Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Peru nel mirino: l'autore dei danneggiamenti all'auto ripreso da una telecamera

Antonello Peru

Sorso, il vicepresidente del consiglio regionale: "Un gesto insensato"

SASSARI. E' stato ripreso dalle telecamere di videosorveglianza del Comune di Sorso l'autore dei danneggiamenti contro l'auto del vicepresidente del consiglio regionale, Antonello Peru. Venerdì sera 31 agosto il politico era ospite di una cerimonia di premiazione organizzata nel palazzo comunale e all'uscita ha trovato gli pneumatici della sua Bmw bianca squarciati. La macchina sostava in via Adelasia, vicino all'ingresso del municipio. Peru l'ha lasciata lì e si è fatto portare a casa da amici.

Ieri mattina, quando è andato a riprenderla, la brutta sorpresa: l'attentatore aveva colpito ancora, rigando le fiancate dell'auto. Allertati dalla vittima, i carabinieri si sono messi sulle tracce dell'autore. «Al momento i Ris lavorano sulle immagini che riprendono nitidamente un uomo a volto scoperto mentre compie quel gesto insensato», dice all'Ansa Antonello Peru.

Il consigliere regionale Antonello Peru nel mirino, danneggiata la sua auto

«Sono certo che l'atto ignobile non fermerà l'impegno politico di Antonello Peru, sempre in prima linea a difesa del territorio», commenta Pietro Pittalis, deputato di Forza Italia. «È un gesto di gravità inaudita - continua - che suscita sconcerto, allarme e preoccupazione». Per lui «Peru non può lasciarsi intimorire da un episodio che colpisce chi si impegna con onestà e professionalità per cercare di risolvere i problemi della Sardegna». Per la capogruppo azzurra in consiglio regionale, Alessandra Zedda, è forte «l'indignazione per l'ennesimo atto che mette a rischio le battaglie per la democrazia portate avanti in consiglio regionale». Secondo lei «l'episodio, gravissimo, va censurato senza se e senza ma».