Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Danni maltempo, un vertice

Giave, sopralluogo del Comune con Rfi, Anas e Provincia

GIAVE. Si terrà domani alle 11 in sala consiliare, come richiesto dalla sindaca Mariantonietta Uras, un incontro degli amministratori con i responsabili della Rfi, dell’Anas e della Provincia. Saranno presenti anche il capo del locale ufficio tecnico, ingegnere Masia, l’ingegnere Virdis e un funzionario dell’assessorato regionale ai trasporti. Introdurrà i lavori l’intervento della sindaca che esporrà la sua relazione e a seguire ci sarà quella dei tecnici comunali e le proposte per ovviare alla situazione di transitabilità delle strade rurali, in particolare del tratto della ex 131, al confine con lo stabilimento-mangimificio “Chessa”, che porta alla stazione ferroviaria e al viadotto sulla 131.

Il violento temporale di fine agosto ha interessato buona parte di questo territorio e ha causato notevoli danni, in particolare al mangimificio per via dell’infiltrazione copiosa di autentici fiumi d’acqua che, nonostante la protezione di sacchi di contenimento a bordo strada e l’impegno dei dipendenti del mangimificio, ha causato il fermo dei macchinari, con le conseguenze prevedibili. Un serio pericolo è stato rilevato su un muretto di recinzione, con fronte sulla rete ferroviaria, che presenta alcune gravi lesioni, causate dall’azione dell’acqua che non può essere smaltita dall’esistenza di un solo tubo di scarico delle acque meteoriche, di sezione inadeguata, dalla strada verso il canale che corre lungo la ferrovia, e favorisce l’allagamento di tutti gli spazi antistanti.

Al termine dell’incontro in Comune tutti i partecipanti faranno un sopralluogo nel territorio interessato dai danni del maltempo, al quale parteciperanno anche il proprietario del mangimificio e gli operatori agricoli, nel tratto a “Ponte” dove, qualche settimana fa, era deragliato il treno, a “Figuini”, e nel tratto maggiormente interessato dalle frane e dall’allagamento della sede viaria dell’ex 131 che hanno invece determinato i danni al mangimificio.

Emidio Muroni