Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Il rilancio del Sgb passa attraverso le cure palliative e nuovi servizi

PLOAGHE. Un hospice per le cure palliative ai malati terminali, il potenziamento dell’assistenza e della riabilitazione, l’apertura di ambulatori e di una guardia medica. Sono i tre “pilastri” su cui...

PLOAGHE. Un hospice per le cure palliative ai malati terminali, il potenziamento dell’assistenza e della riabilitazione, l’apertura di ambulatori e di una guardia medica. Sono i tre “pilastri” su cui poggia il piano di rilancio tracciato dalla direzione della Assl Sassari per il San Giovanni Battista, la struttura con sede a Ploaghe incorporata dall’Ats Sardegna all’inizio del 2018. Un piano di rilancio a vantaggio sia del territorio sia dei plessi ospedalieri limitrofi.

Il centro residenziale per le cure palliative del Sgb sarà baricentrico per le tre aree distrettuali della Assl Sassari e potrà avvalersi delle sinergie professionali del personale medico, e in parte infermieristico, già presente nella struttura. «A queste professionalità si sommeranno quelle delle équipe delle cure palliative domiciliari del distretto di Sassari – fanno sapere alla Assl –. La struttura avrà nove posti letto e offrirà un servizio continuativo, sette giorni la settimana e ventiquattro ore al giorno». Quando verrà realizzato l’hospice alla Sgb il primo in tutta l’area socio-sanitaria di Sassari, insieme a quello che nascerà nella Casa della Salute di Sorso, potrà finalmente essere colmata una lacuna. Il secondo progetto consentirà, grazie all’accordo sottoscritto dalla direzione del distretto di Sassari in stretta collaborazione con la direzione del distretto di Alghero, che i medici fisiatri e gli operatori del centro di Ploaghe possano collaborare con i plessi ospedalieri di Ittiri e di Thiesi per valutare le esigenze riabilitative e per prendere in carico i pazienti ricoverati nei reparti di lungo degenza. L’iniziativa prenderà il via da settembre a Ittiri e da ottobre a Thiesi.

Il terzo progetto prevede sia lo sviluppo delle attività ambulatoriali di supporto ai servizi residenziali sia l’attivazione della guardia medica e dei servizi specialistici rivolti ai cittadini di Ploaghe e alle comunità dei paesi limitrofi: neurologia, fisiatria, ortopedia e cardiologia.