Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Commemorazione per i caduti della Corazzata Roma

PORTO TORRES. La nave “Orione” della Marina Militare attraccherà domani mattina alla banchina degli Alti fondali e lunedì pomeriggio metterà invece la prua verso il punto del golfo dell’Asinara dove...

PORTO TORRES. La nave “Orione” della Marina Militare attraccherà domani mattina alla banchina degli Alti fondali e lunedì pomeriggio metterà invece la prua verso il punto del golfo dell’Asinara dove fu affondata la Corazzata Roma. In quel tratto di mare i militari lanceranno una corona in acqua per ricordare i 1400 marinai della Roma e dei caccia torpedinieri Vivaldi e Noli che persero la vita il 9 settembre 1943. È la cerimonia finale degli eventi organizzati dalla Marina Militare e dall’Associazione nazionale marinai d’Italia per ricordare quei tragici fatti che funestarono l’Italia alla fine della guerra. Domenica alle 15,30 appuntamento al Museo del Porto con pensieri e musiche “Ricordando i marinai della Roma” e alle 16,30 la presentazione della scultura “Millesettecento Stelle” di Antonello Alloro. Alle 17 la mostra “La nave del re nel silenzio del mare”. Lunedì alle 10, nella rotonda di Balai, la cerimonia in memoria dei caduti davanti al monumento dedicato alla Corazzata Roma. Interverranno il comandante del supporto logistico del presidio della Marina Militare in Sardegna, contrammiraglio Enrico Piacioni, e il presidente nazionale dell’Anmi ammiraglio Paolo Pagnotella. (g.m.)