Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Contratto forestali, Snaf ottimista

Chiesto l’inquadramento regionale, ma occorre il via libera dell’assemblea

OZIERI. C’è cauto ottimismo per il futuro tra i lavoratori forestali iscritti al sindacato Snaf, sebbene i dubbi sull’inquadramento contrattuale che si sta discutendo in questi giorni in Regione - dove la prima commissione ha di recente licenziato una proposta di legge di riforma dell’agenzia Forestas - non siano ancora del tutto fugati.

È quanto emerso nei giorni scorsi in una riunione territoriale per il Centro-Nord Sardegna svoltasi a Lanusei, alla presenza di alcuni sindaci del territorio ospitante e del consigliere regionale Franco Sabatini, nella quale i forestali si sono confrontati sui citati dubbi ma hanno anche ricevuto delle rassicurazioni.

In particolare dal presidente della Prima Commissione, (Autonomia e ordinamento regionale), che pur assente per impegni pregressi ha inviato un messaggio ai lavoratori auspicando che il consiglio regionale approvi entro breve la bozza di riforma approvata dalla commissione (iscritta come proposta di legge 563) che ha regolato in particolare «questione contributiva, costi previdenziali, mansioni necessarie per portare avanti le funzioni attribuite all’agenzia, garanzie di continuità occupazionale e retributiva dei lavoratori stagionali».

L’approvazione della proposta, che dovrà passare in commissione Bilancio, da parte del consiglio regionale è stata definita da Franco Sabatini una «mera formalità».

Secondo lo Snaf, sebbene si è consapevoli che «in consiglio regionale aleggia ancora qualche dubbio sui semestrali», «pare cadere ogni ragionevole impedimento affinché la legge possa essere approvata con serenità, risolvendo così le criticità create dalla Legge Forestale approvata nel 2016». (b.m.)