Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Maltempo e danni all’agricoltura deliberato lo stato di calamità

CHIARAMONTI. I forti temporali con le ingenti piogge del mese di agosto hanno causato anche nel territorio di Chiaramonti notevoli danni alle coltivazioni e alle strutture agricole, oltre che ad...

CHIARAMONTI. I forti temporali con le ingenti piogge del mese di agosto hanno causato anche nel territorio di Chiaramonti notevoli danni alle coltivazioni e alle strutture agricole, oltre che ad abitazioni private, a impianti, infrastrutture, strade campestri e vie pubbliche. Numerose sono state infatti le segnalazioni di danni economici ingenti da parte di agricoltori, allevatori e associazioni di categoria. «Tenendo conto delle situazioni riportate e valutato che da una prima stima dei danni si ritengono utili e necessari interventi tecnici urgenti e straordinari per il ripristino della viabilità rurale e delle infrastrutture, la Giunta regionale, riunitasi in data 28/08/2018 per deliberare, ha stabilito che l’evento ha determinato uno stato di calamità naturale nel territorio di Chiaramonti così come definito dall’articolo 1 della legge regionale n. 28/1985».

La Giunta, presieduta in quell’occasione dal vicesindaco Luigi Pinna, ha pertanto ritenuto di dover richiedere il riconoscimento del territorio comunale di Chiaramonti e di dover promuovere ogni azione opportuna e imprescindibile per tutelare gli interessi e salvaguardare i diritti degli operatori economici che hanno subito gli effetti dannosi delle copiose piogge nel periodo di agosto, segnalando l’evento calamitoso che ha colpito il territorio comunale agli organi preposti, tra cui Argea Sardegna e l’Agenzia per l’attuazione dei programmi regionali in campo agricolo e per lo sviluppo rurale (Laore Sardegna). Nella stessa delibera la giunta ha disposto che l’ufficio tecnico comunale raccolga le istanze di concessione di aiuti economici presentate da agricoltori, allevatori, aziende agro-alimentari e di riservarsi con successivi atti di quantificare i danni, le richieste di rimborso e indennizzo per le spese sostenute.