Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Dal Psd’Az attacco frontale al sindaco Wheeler e alla giunta

PORTO TORRES. «Sean Christian Wheeler è ormai considerato il peggior sindaco che Porto Torres abbia mai avuto e in questi tre anni abbiamo assistito ad un triste teatrino fatto di mancati progetti,...

PORTO TORRES. «Sean Christian Wheeler è ormai considerato il peggior sindaco che Porto Torres abbia mai avuto e in questi tre anni abbiamo assistito ad un triste teatrino fatto di mancati progetti, delibere consiliari non portate a termine, rovinosi rapporti con i dipendenti, scontri con l’opposizione e totale mancanza di preparazione e prese di posizione sulle delicate tematiche che coinvolgono i cittadini». Un attacco frontale contro il sindaco e la sua giunta quello della segretaria cittadina del Psd’Az, Ilaria Faedda, e una condanna senza se e senza ma del loro operato. «A nostro avviso non è la struttura che impedisce di amministrare – aggiunge Faedda -, ma è il sindaco e la sua giunta che sono incapaci di farlo: una delle ultime “sparate” è quella sul ponte Vespucci, interessato a suo dire da un pericoloso processo di degrado, e sono dichiarazioni inopportune visto che appena due mesi fa Comune e Consorzio industriale provinciale hanno deciso la spesa di 80mila euro per la realizzazione dei marciapiedi proprio su quel ponte». Anche la presa di posizione nei confronti della compagnia di navigazione Moby Lines lascia perplessa la segretaria dei Quattro Mori: «Quando Wheeler chiede agli armatori di utilizzare maggiormente il nostro scalo, ci si deve presentare con una città accogliente, pulita, ordinata, con servizi efficienti, con una segnaletica dignitosa, con le strade in ordine, con i monumenti segnalati a dovere, con almeno le due o tre piazze principali ornate con un minimo di decoro». L’ultima stoccata di Faedda è un invito al sindaco. «Faccia l’unica cosa buona che gli resta da fare: dimettersi». (g.m.)