Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Viale delle Vigne, strada dimenticata

Oltre alla carreggiata ormai degradata, demolita una panchina in pietra

PORTO TORRES. È una delle strade più trafficate di Porto Torres. Ancora ricca, nonostante la crisi economica che attanaglia da anni la città, di uffici pubblici ed attività commerciali.

Viale delle Vigne dovrebbe essere una delle “perle" turritane per quanto concerne asfalti e decoro urbano, ma anche a uno sguardo distratto non può passare inosservato lo stato di abbandono in cui versa.

Le condizioni del manto stradale sono difficilmente commentabili, tra avvallamenti e rattoppi vari, con gli attraversamenti pedonali scarsamente visibili ed ovviamente praticamente mai rispettati dagli automobilisti, ma colpisce particolarmente lo stato in cui si trovano anche alcuni “arredi” urbani. Capita così, per esempio, di transitare sul marciapiede nel tratto compreso tra le intersezioni con via Principe di Piemonte e via Aretino.

Ebbene, tra immondizie varie - cartacce, bottigliette di plastica, mozziconi di sigarette, persino un blocchetto - a decorare quella che dovrebbe essere un'aiuola da cui svetta un albero, colpisce la vista una panchina, o meglio, quanto ne resta.

Due file di blocchi di tufo neppure complete - da lì proviene il blocchetto gettato nell'aiuola vicina -, nessun piano sul quale sedersi.

In questo caso, però, più che parlare di stato di abbandono, c’è da sottolineare il solito intervento dei vandali che hanno pensato bene di demolire la panchina, per di più faticando un bel po’ visto l’impegno messo nella loro impresa.

Ovviamente nessuno ha mai pensato di riparare la panchina.

Per gli anziani della zona che magari la sera amano prendere il fresco all'aperto o chi avesse necessità di fare una sosta all'ombra dell'albero, non c'è più la possibilità di sedersi.

Emanuele Fancellu