Sassari, raffica di multe ai "cafoni" dell'immondizia

Il comando della polizia locale ha lanciato anche un concorso virtuale provocatorio sulla condotta più indecente: l'ha vinto un cittadino straniero, seguito da un sassarese

SASSARI. Raffica di sanzioni degli agenti della Polizia locale di Sassari contro i 'cafonì della mondezza. Anche a luglio e agosto, grazie alla collaborazione della compagnia barracellare e della guardie zoofile, sono stati colti in flagrante numerosi cittadini provenienti da altri comuni della provincia che scaricavano i loro rifiuti nei cassonetti di Sassari.

Il trasgressore arrivato da più lontano è di Thiesi, e ha percorso ben 46 chilometri per abbandonare i suoi rifiuti nel capoluogo, anziché nel suo comune di residenza. Ma c'è anche chi è arrivato da Putifigari, Alghero e Sennori. A tutti è stata affibbiata una multa di 250 euro. Numerose anche le persone sanzionate per non aver osservato le regole del conferimento differenziato.

Il concorso virtuale e provocatorio lanciato dal comando della Polizia locale per «la condotta più immorale» se lo aggiudica un cittadino francese, che ha svuotato un'enorme quantità di rifiuti ammassati nella sua auto nei cassonetti

della carta, gettando all'interno dei contenitori qualsiasi tipo di immondezza, senza preoccuparsi di differenziare.

Multato anche un sassarese che non essendo riuscito a depositare un grosso serbatoio all'ecocentro, ha deciso di abbandonarlo per strada, accanto a un cassonetto.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro