Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Sennori racconta la sua “Faeddada”

Venerdì la presentazione del dizionario di Tonino Mario Rubattu

SENNORI. Venerdì alle 10, nella sede della Fondazione di Sardegna, in via Carlo Alberto 7, a Sassari, l’amministrazione comunale di Sennori presenterà l’opera letteraria “Sa Faeddada de Sénnaru”, il dizionario della Lingua Sarda curato da Tonino Mario Rubattu che il Comune distribuirà gratuitamente a tutte le famiglie sennoresi, alle scuole del paese, alle massime istituzioni locali e regionali, ai principali punti di attrazione turistica e alle biblioteche della Sardegna. L’opera, unica nel suo genere, è nata da uno studio portato avanti fina dagli anni ’80 da Rubattu, e si compone di due volumi che racchiudono i termini del lessico di Sennori, il loro significato in italiano e il dizionario etimologico raffrontato con le altre varietà della lingua di Sardegna: logudorese, nuorese, campidanese, sassarese e gallurese.

Il progetto è patrocinato dalla Fondazione di Sardegna, la quale ha concesso un contributo per il completamento dell’opera, e dall'assessorato regionale alla Pubblica istruzione.

La sera di venerdì il dizionario sarà presentato al paese in un incontro pubblico che si svolgerà alle 19.30 all’Auditorium del Centro Culturale “Antonio Pazzola”, in via Farina 32, a Sennori. All'incontro, animato dal coro sardo “Sonos de Coro”, da Theatre en Vol e dall'associazione culturale “Il Lentischio”, interverranno tra gli altri l’autore Tonino Mario Rubattu, il sindaco di Sennori, Nicola Sassu, il consigliere regionale Roberto Desini, il presidente della Fondazione di Sardegna, Antonio Cabras.