Metropolitana leggera, il Comitato non molla

Venerdì sopralluogo a Santa Maria di Pisa per verificare il tracciato proposto dall’Arst e le alternative

SASSARI. Metropolitana di superficie, il Comitato che raggruppa cittadini, esperti e amministratori ori non molla la presa e venerdì 14 settembre alle 15,30 alla Stazione della metro di Santa Maria di Pisa (in via Gaetano Donizetti) compirà un sopralluogo per verificare la parte del tracciato ipotizzato dall’Arst e la proposta alternativa del Comitato.

«Nel corso dell’iniziativa, oltre a tutti gli aspetti logistici e di sistema del servizio, saranno evidenziati gli aspetti relativi all’impatto socio ambientale, economico e di cantiere delle due ipotesi alternative», annuncia una nota del Comitato. Che ha formulato sin dalla sua costituzione la richiesta di una Istruttoria pubblica per la revisione del tracciato progettato dall’Arst del secondo lotto della metropolitana di superficie che dovrebbe, attraversati i quartieri di Santa Maria di Pisa e Sant’Orsola, giungere sino a Li Punti.

Il Comitato, che considera certamente positiva la delibera del consiglio comunale del 9 agosto, con la quale si produce l’adozione preliminare di una variante al Piano urbanistico comunale per l’inserimento di un percorso alternativo e integrativo della Metropolitana leggera, rileva però che la delibera interviene esclusivamente «sulla “seconda parte del tracciato”, ovvero sulla parte della nuova realizzazione che riguarda l’affiancamento della ex 131 sino al raggiungimento dell’abitato d Li Punti, evitando così un ponte inutile e fortemente impattante sulla principale arteria di collegamento urbano del quartiere di Li Punti con il resto della città. Non interviene, invece, sulla parte – particolarmente critica – del tracciato che riguarda la connessione della nuova tratta con il sistema territoriale (doppio binario esistente sino alla stazione di Rodda Quadda sulla direttrice Sorso) e l’attraversamento dei quartieri di Santa Maria di Pisa e Sant’Orsola».

Il Comitato ritiene infatti «che si debba provvedere alla revisione di tutto il tracciato proposto, valorizzando e utilizzando integralmente le – non casuali – preesistenze, in coerenza con quanto previsto dal Progetto generale di sistema; in buona sostanza da quanto previsto da tutti gli strumenti di programmazione regionali, territoriali e comunali (e cioè Piano regionale dei Trasporti, Piano urbano della Mobilità, Piano della Mobilità di Area vasta, Pianificazione strategica intercomunale)».

Perciò, «in attesa della convocazione dell’Istruttoria pubblica prevista
dalla delibera della giunta comunale del 13 agosto 2018, per valutare insieme ai cittadini dei quartieri interessati, ad amministratori pubblici ed a quanti intendano conoscere adeguatamente e approfondire il tema», il Comitato dà appuntamento venerdì alla stazione di Santa Maria di Pisa.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro