Dalla Provincia 100mila euro per l’Ipaa

Bonorva, i fondi destinati a lavori nell’istituto professionale di Sas Palazzinas

BONORVA. La Provincia destinerà 110mila euro per interventi nell’Istituto d’Istruzione superiore del Professionale per l’Agricoltura e l’Ambiente di Sas Palazzinas. In una riunione, tenuta nei giorni scorsi, alla presenza di Guido Sechi, amministratore straordinario della provincia di Sassari, di Antonio Ruzzu, dirigente scolastico dell’Istituto d’Istruzione superiore “Enrico Fermi”, con sede ad Ozieri, al quale è associato l’Ipaa di Bonorva, di Vittoria Loddoni, dirigente del settore per l’edilizia e il patrimonio Nord Ovest della provincia, e del sindaco Massimo D’Agostino, è stata esaminata la situazione dell’Istituto d’Istruzione superiore, oggetto di osservazioni, più o meno giustificate, in particolare per la funzionalità di alcune strutture tecnologiche.

Al termine dell’incontro, accertata e costatata la piena funzionalità dell’istituto, in rapporto alla sua principale attività formativa, sono stati individuati una serie d’interventi atti a migliorarne l’utilizzo secondo giusti parametri di sicurezza e funzionalità.

Il commissario Sechi ha informato di aver già deliberato una spesa di 90 mila euro per la completa sistemazione dell’impianto di potabilizzazione, che così dovrebbe tacitare quanti da qualche tempo, si battono per lo spostamento della scuola ad altra sede. Con altri 20.000 euro, messi a disposizione sempre dalla Provincia, sarà sistemato anche un piccolo deposito-laboratorio, posto all’interno di un piccolo stabile rurale.

Una serie d’interventi che il commissario Sechi e i suoi funzionari hanno ritenuto necessari e serviranno per consentire ai docenti, personale ausiliario e agli oltre settanta alunni che frequentano la scuola di avere una struttura accogliente e funzionale, posto al centro di un appezzamento di terreno di circa 60 ettari, donato dall’allora “Ente Manai” che potrà continuare la positiva esperienza, iniziata oltre 50 anni fa, di formazione di tanti giovani, provenienti anche dal circondario.

Un istituto totalmente disponibile fin dai primi anni ’80 che ha il vantaggio di disporre anche di un’azienda agraria, di un minicaseificio, di un tunnel di coltivazione, del laboratorio d’informatica, strumenti, primari fondamentali per l’indirizzo degli studi, nei quali gli alunni hanno la possibilità di apprendere, anche con la pratica, le tecniche di coltivazione e produzione. Dopo le diverse riforme scolastiche (accorpamenti e dimensionamento della rete scolastica)
l’istituto rappresenta una scuola moderna, con il corso di studi completo che, al termine del terzo anno, permette di conseguire la qualifica professionale di operatore agricolo, riconosciuta dall'Unione europea e, dopo 5 anni, il diploma di Agrotecnico.

Emidio Muroni

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller