Finisce la lunga attesa: assunti gli artieri precari

Ozieri, arriva l’ok della Regione per la stabilizzazione di cinque lavoratori Cocco (Mdp) annuncia: «Soluzione vicina anche per gli altri quattro»

OZIERI. È finita l’odissea degli artieri precari del dipartimento incremento ippico Agris che da circa dieci anni attendono la stabilizzazione nella pianta organica dell’agenzia. Due giorni fa una determina del direttore generale dell’assessorato regionale all’Agricoltura ha sancito la loro stabilizzazione approvando la graduatoria degli aventi diritto redatta dalla commissione di valutazione appositamente nominata. Cinque di loro saranno assunti immediatamente, mentre gli altri dovranno ancora attendere la creazione di un apposito capitolo di spesa nella finanziaria.

«Stanziamento che potrebbe arrivare già oggi, deciso all’interno della commissione Bilancio che si riunirà per discutere la finanziaria regionale». Ad annunciarlo è il capogruppo di Mdp-Art.1 in consiglio regionale, Daniele Cocco, estensore dell’emendamento alla finanziaria del 2016 che già prevedeva la stabilizzazione dei precari, gli ultimi rimasti tagliati fuori da un processo di assunzioni definitive iniziato dieci anni fa, e “alfiere” delle loro sorti sin dai primordi della lunga odissea.

«Esprimo ovviamente grande soddisfazione per questo risultato – dice Cocco – e congratulandomi con i primi cinque che firmeranno il contratto voglio assicurare agli altri che farò tutto il possibile affinché i tempi della loro assunzione siano brevi, anzi brevissimi».

Oggi potrebbe quindi arrivare un’altra buona notizia, la definitiva parola fine alla lunga vicenda della quale molto spesso, purtroppo, si è parlato in queste pagine ma che due anni fa, dopo il citato emendamento alla finanziaria, sembrava conclusa. Ma non è stato così, perché dopo aver ricevuto notizie su una stabilizzazione imminente gli artieri si erano invece visti per due anni proporre ancora solo contratti precari, alcuni addirittura di mese in mese. Come l’ultimo, quello scaduto il 31 ottobre, dopo il quale nove artieri avevano deciso di adire le vie legali per «ottenere dalla magistratura quello che la Regione dovrebbe darci per legge».

Non ce ne è stato bisogno: pochi giorni dopo questa decisione c’era stato l’intervento proprio del consigliere Cocco, che aveva annunciato che «presto gli artieri saranno edotti in maniera ufficiale sulla tempistica che dovrà portare alla loro stabilizzazione», e a seguire direttamente quello dell’assessore al Personale Filippo Spanu, che aveva annunciato come imminente l’assunzione a titolo definitivo degli artieri aventi diritto e inseriti
nella graduatoria redatta dalla commissione di valutazione. Da oggi finalmente gli artieri potranno iniziare a recarsi al lavoro nei centri ippici di Ozieri Su Padru, Burgos e Tanca Regia con il cuore più leggero, sentendo più sicuro il loro futuro e quello delle proprie famiglie.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller