Vogliamo dare vita al nostro punto nascite

Paola Cossu è al nono mese, la sua bambina scalpita nel pancione, ma non vedrà la luce al Policlinico. Il suo appuntamento fissato per il parto è stato disdetto, e si dovrà rivolgere o alle Cliniche...

Paola Cossu è al nono mese, la sua bambina scalpita nel pancione, ma non vedrà la luce al Policlinico. Il suo appuntamento fissato per il parto è stato disdetto, e si dovrà rivolgere o alle Cliniche o ad Alghero. «È un vero peccato – dice – perché sono alla seconda gravidanza e al Policlinico mi sono trovata benissimo». Per questo, assieme ad altre dieci future mamme, tiene stretto lo striscione che recita: «Vogliamo dare vita al Policlinico». E altre donne manifestano la loro gratitudine verso un reparto di che ha messo al mondo intere generazioni. «Proveniamo da Nule, Tempio, Pattada, Padria, Benetutti, Valledoria, Castelsardo, Porto Torres, Sorso, Sennori – dicono – Ma ognuna di noi è riconoscente e non dimentica la professionalità di questa struttura, che nel suo piccolo ci ha riservato sempre un sorriso, una carezza e un conforto umano. Ci chiediamo come sia possibile lasciar morire una simile perla
della sanità». Purtroppo, a prescindere dall’esito positivo della compravendita, non è detto che i Rusconi siano intenzionati a riaprire il punto nascite: è un comparto che garantisce magri fatturati a fronte di altri settori (riabilitazione, ortopedia, estetica) ben più remunerativi.


TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community