Una stufa multiuso trionfa al premio scuola digitale

Alla Camera di commercio vincono gli studenti dell’istituto Ferraris di Iglesias. Decine gli istituti coinvolti nel lungo cammino che ha poi portato alla finale

SASSARI. Con il progetto della stufa multiuso Hot Blue l’Istituto professionale Ferraris di Iglesias si è aggiudicato la finale regionale del Premio per la Scuola digitale. Ieri alla Camera di Commercio di Sassari si è svolto l’appuntamento conclusivo di questa sfida in diverse fasi ha coinvolto decine di scuole in tutta la Sardegna. Cinque istituti superiori di Oristano, Sorgono (insieme a quelli di Pratosardo e Siniscola), Cagliari, Sassari e Iglesias si sono affrontati di fronte a una giuria di esperti. Gli studenti hanno presentato prototipi e soluzioni ingegnose nel campo della cucina e chimica 3D, agricoltura 4.0, turismo digitale e nuove tecnologie. La scuola vincitrice ora parteciperà alle finali nazionali. L’evento è stato organizzato dall’Istituto Agrario Pellegrini di Sassari in collaborazione con la Camera di Commercio di Sassari che lo ha inserito nell’ambito delle proprie Giornate Digitali.

La finale ha avuto come ospite d’eccezione Valeria Cagnina, la diciassettenne piemontese recentemente inserita nella classifica delle cinquanta donne più influenti in Italia nel campo della tecnologia. Insieme al socio Francesco Baldassarre, la giovane creativa ha presentato la propria scuola di robotica attiva in tutto il mondo e lanciato un messaggio agli studenti in sala: «Nulla è impossibile, soprattutto il cambiamento. L’importante è studiare e mettersi continuamente in gioco».

L’appuntamento è stato aperto dagli interventi della rappresentante della Camera di Commercio, Paola Grimaldi, dell’assessora comunale alla Pubblica istruzione, Alba Canu, e dei referenti della Scuola polo Niccolò Pellegrini di Sassari, il dirigente scolastico Paolo Acone e il professor Mauro Solinas. Hanno poi preso la parola l’attivista digitale Antonella Fancello dell’Università degli Studi di Sassari, Simone Mastrogiacomo di Veranu, Antonio Solinas di Abinsula, Michele Cau del FabLab Sulcis, Alessandro Lutzu del FabLab Make in Nuoro. La sfida vera e propria con la presentazione dei cinque progetti in gara è stata curata da Antonello Fresu. La mattinata è stata animata dal giovane gruppo di canto a tenore “Sos Isteddos” di Pattada. L’accoglienza degli ospiti è stata curata dagli studenti dell’Agrario.

Gli altri progetti che hanno partecipato alla finale sono “Makerchef” dedicato alla cucina 3D dell’istituto Don Deodato Meloni di Oristano,
“L’anima agricola di Industria 4.0” dell’Istituto Fratelli Costa Azara di Sorgono, Prato Sardo e Siniscola, “Scacchi molecolari, un nuovo modo di vedere la chimica” del liceo scientifico Pacinotti di Cagliari e “Acropolis Virtual Tour” del liceo scientifico Giovanni Spano di Sassari.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller