Sassari, arriva il freddo e riapre il dormitorio comunale

La struttura di via Duca degli Abruzzi verrà gestita dai volontari dell’Auser. Travagliato il bando di affidamento: molti vincoli e pochissime offerte 

SASSARI. Il termometro è colato a picco e per i clochard cittadini le notti sono diventate difficili. Fortunatamente oggi dovrebbe aprire il dormitorio comunale di via duca degli Abruzzi, che ogni anno, nei mesi più rigidi, diventa un approdo di salvezza per chi non ha un tetto dove ripararsi.

Per l’amministrazione comunale non è stato per nulla semplice arrivare all’affidamento della struttura, e solo dopo svariati tentativi è riuscita a trovare un’associazione che si è presa la responsabilità di gestire l’ostello. Per due volte il dormitorio è stato assegnato, ma successivamente revocato: probabilmente c’erano delle irregolarità nella documentazione presentata.

Alla fine ad aprire le porte ai clochard sassaresi saranno i volontari dell’Auser. E da parte loro si tratterà di un impegno importante. Per quanto riguarda la gara per l’affidamento, non c’era propriamente la fila dei candidati. Si tratta di un bando della durata di cinque mesi che imponeva però una serie di incombenze per chi presentava le offerte. Ad esempio la messa a norma dell’impianto elettrico e idraulico bagni compresi. Oppure installare l’impianto antincendio e predisporre venti letti e materassi nuovi. Inoltre era obbligatorio garantire i pasti e unservizio quotidiano di lavanderia. Il tutto per 20.000€ di cui solo 6.000 in acconto.

E infatti diverse associazioni cittadine che in passato avevano gestito o collaborato nella struttura di via Duca degli Abruzzi, a questo giro hanno

preferito farsi da parte. Ed ecco il motivo per cui l’ostello dei poveri ha aperto in ritardo rispetto al calendario climatico. Questa settimana sono attese temperature molto rigide e sferzate gelide di maestrale. L’inaugurazione del dormitorio arriva come una manna dal cielo.
 

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller