Stroncato dalla meningite in meno di 24 ore, la vittima è un 23enne di Ittiri

Ricoverato a Sassari in condizioni già compromesse, non ce l'ha fatta. Avviata la profilassi sulle persone che sono entrate in contatto con lui

SASSARI. Stroncato in meno di 24 ore da una meningite, di un ceppo più raro e teoricamente meno letale dei tristemente noti A, B e C, il sierogruppo Y. Che però non ha lasciato scampo a un 23enne di Ittiri, arrivato martedì mattina al pronto soccorso del Santissima Annunziata già in condizioni gravissime e morto ieri pomeriggio, mercoledì 16 gennaio, nel reparto di Rianimazione, tra le grida disperate dei suoi familiari, già colpiti poco più di un anno fa da una tragedia altrettanto immane.

Il giovane, trasportato in codice rosso dal 118, mostrava già un quadro clinico fortemente compromesso ed evidenti sintomi dell'infezione. Che la Microbiologia e Virologia ha immediatamente diagnosticato, con la struttura di Igiene e controllo delle infezioni ospedaliere che ha poi identificato il particolare sierogruppo, relativamente raro in Sardegna e responsabile negli ultimi due anni di soli due casi.E da lì, mentre in Rianimazione il 23enne ittirese combatteva la sua vana battaglia, è scattato l'allerta massimo dentro e fuori l'ospedale, con una procedura purtroppo tristemente collaudata. Per prima è stata avviata la profilassi antibiotica su tutti

i sanitari entrati a contatto con il ragazzo, dagli operatori del 118 ai medici ospedalieri.

Articolo completo e altri servizi nel giornale in edicola e nella sua versione digitale

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Stampare un libro risparmiando: ecco come fare