Ricostituito l’ufficio casa per definire la graduatoria

L’iniziativa necessaria dopo la bocciatura da parte del Tribunale amministrativo Il Comune ha già deciso di non impugnare le sentenze al Consiglio di Stato

PORTO TORRES. Il Comune ha ricostituito l’ufficio amministrativo che si dovrà occupare della predisposizione della nuova graduatoria delle famiglie aventi diritto ai quarantanove alloggi di via Falcone-Borsellino. Allo stato attuale, infatti, il responsabile dell'ufficio Casa e il funzionario preposto non sono più in servizio presso il Comune di Porto Torres, e pertanto è stato ricostituito l'ufficio con altre risorse umane dotate di esperienza nel settore. La nuova commissione è composta dal dirigente dell’ufficio tecnico Claudio Vinci, dal dirigente del settore Personale Flavio Cuccureddu, dalla funzionaria Francesca Stacca, dall’assistente sociale Paola Campa, dal responsabile ufficio Patrimonio Alberto Marrone e dalla ragioniera Angela Pirino. La novità della ricostituzione dell’ufficio è dovuta al fatto che il Tribunale amministrativo regionale aveva “bocciato” nei mesi scorsi la precedente graduatoria comunale dei 49 alloggi a canone sostenibile perché l’allora commissione del Comune non aveva valutato con la dovuta attenzione i requisiti autocertificati delle due famiglie che poi hanno presentato, e vinto, il ricorso. L’amministrazione comunale ha quindi deciso - dopo aver acquisito il parere dell'avvocatura dell’ente in merito - che non intende impugnare le sentenze in questione al Consiglio di Stato per l'incertezza del possibile esito positivo dell’impugnativa. Si tratta del primo passo importante dopo un paio di mesi di silenzio amministrativo, seguito dalle garbate proteste delle famiglie in graduatoria per gli alloggi che si sono presentate un paio di volte all’interno del palazzo comunale. Per chiedere al sindaco e alla giunta lo stato dell’arte dei lavori e, soprattutto, la data esatta della consegna delle abitazioni. La risposta dell’amministrazione è che allo stato attuale esiste un contenzioso tra il Comune e l’impresa titolare della costruzione degli alloggi, e la stessa azienda risulta non essere in linea sia con i pagamenti all'azienda in subappalto sia con il crono-programma dei lavori che si sarebbero già dovuti concludere.
Per cercare di superare anche questo “scoglio”, comunque, domani si svolgerà un incontro chiarificatore tra la struttura tecnica e l’impresa Holzfanil, sede legale in Gravina in Puglia, sollecitato dal direttore dei lavori Claudio Vinci e dal Responsabile unico del procedimento.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller