Riaperto il cavalcavia di Mesumundu

La strada provinciale 80 Siligo-Ardara era chiusa al traffico da dieci anni

SILIGO. E’ stato riaperto al traffico il cavalcavia di Mesumundu. Dopo l’esito positivo dell’ultimo collaudo effettuato ieri pomeriggio, la Provincia di Sassari ha ripristinato la circolazione veicolare e pedonale sul ponte della strada provinciale n. 80 Siligo-Ardara, che scavalca la 131. Tirano così un grosso sospiro di sollievo quanti di quella strada si servono per le loro esigenze quotidiane. Le nove famiglie che abitano nella zona, in primo luogo, che devono recarsi spesso a Siligo per pratiche, acquisti, visite. Ma anche gli ospiti della comunità S’Aspru, anch’essi al di qua rispetto a Siligo della sp 80. E poi, tutti gli allevatori e coloro che hanno campagne oltre Mesumundu/Biddanoa. Fra le altre cose, nell’ultimo periodo, la situazione era diventata insostenibile, per via della intransitabilità – causa piogge e buche – della stradina sterrata che veniva utilizzata per aggirare il tratto di strada chiuso. Ora finalmente, la notizia attesa da tempo: la strada è riaperta. «Un motivo di grande soddisfazione – dice il sindaco di Siligo Mario Sassu, che da tempo, insieme al compianto assessore Antonio Zoroddu, seguiva da vicino la vicenda – e una soluzione che risparmia ai nostri concittadini e a tutti coloro che quella strada devono percorrere, gli enormi disagi patiti finora». Viene così messa la parola fine ad una storia lunga esattamente dieci anni. Perché fu nel 2009 che un grosso mezzo che effettuava un trasporto eccezionale sulla 131, in direzione Cagliari-Sassari, andò a incastrarsi sotto il cavalcavia, danneggiandone gravemente le travi. Di lì iniziò l’odissea delle responsabilità e delle competenze, fra Anas e Provincia, che trascinò la vicenda fino al 2017, quando i sindaci della zona scesero in piazza per protestare contro una situazione che metteva a rischio la sicurezza degli automobilisti, ed il primo cittadino di Siligo minacciò di adottare una ordinanza per la chiusura al traffico della 131. Fu la svolta tanto attesa, perché l’amministratore straordinario della Provincia, Guido Sechi, rompendo gli indugi, finanziò
l’opera ed eseguì i lavori, in particolare con la sostituzione di due travi del cavalcavia. Era il mese di agosto 2018, e venne assicurato che entro due settimane - previa stesura del nuovo manto di asfalto, installazione dei gard rail e prove di carico - la sp 80 sarebbe stata riaperta.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO: DAL WEB ALLE LIBRERIE

Come vendere un libro su Amazon e da Feltrinelli