osilo, scomparso il carabiniere eroe 

Il “leone del deserto” si congeda a cento anni

OSILO . Se n’è andato in punta di piedi, “zio” Luigi Solinas, il carabiniere paracadutista, il “leone del deserto” che appena poco più di un mese fa – il 22 dicembre – aveva raggiunto l’invidiabile...

OSILO . Se n’è andato in punta di piedi, “zio” Luigi Solinas, il carabiniere paracadutista, il “leone del deserto” che appena poco più di un mese fa – il 22 dicembre – aveva raggiunto l’invidiabile traguardo dei cento anni. Si è spento all’alba di ieri, con la discrezione che ne ha sempre caratterizzato l’esistenza, in maniera serena, quasi a non voler arrecare disturbo. E i familiari che sempre lo hanno circondato d’affetto – la moglie Angela, le figlie Nina, Francesca e Maria Gavina, i generi, i nipoti, i parenti tutti – pur nel dolore della perdita, accettano anch’essi con serenità quello che è l’ineluttabile destino dell’uomo. I funerali si svolgeranno oggi, alle 15, nella chiesa dell’Immacolata Concezione. E si ripeterà la “resa degli onori” che a Luigi Solinas era stata tributata il 23 dicembre scorso, quando per festeggiare il suo centesimo compleanno, prima in chiesa e poi a casa sua, le autorità civili e militari ne avevano sottolineato il valore militare. Con il sindaco di Osilo Giovanni Ligios ed il generale di divisione Giovanni Truglio, comandante della Legione Carabinieri Sardegna, in prima linea. Perché Luigi Solinas aveva davvero scritto una importante pagina di storia, quando insieme al suo reparto, il 19 dicembre 1941, a Eluet el Asel, nella Cirenaica, aveva arginato per una giornata intera l’avanzata delle truppe
inglesi, consentendo il ripiegamento delle truppe italo-tedesche. Una missione compiuta al prezzo di enormi perdite di vite umane: negli scontri il reparto perse 282 dei suoi effettivi: 31 caduti, 37 feriti e 251 dispersi, mentre solamente in 44 si salvarono.

Mario Bonu

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community