Riconversione di Fiume Santo: sì della Cisl

SASSARI. Ieri mattina, nella sede di Confindustria Nord Sardegna, la società EP Produzione, proprietaria di Fiume Santo, ha illustrato un progetto in previsione della fine dell’utilizzo del carbone....

SASSARI. Ieri mattina, nella sede di Confindustria Nord Sardegna, la società EP Produzione, proprietaria di Fiume Santo, ha illustrato un progetto in previsione della fine dell’utilizzo del carbone. Presenti gli assessori regionali all’Industria e all’Ambiente, i sindaci del territorio e i sindacati confederali e di categoria, EP Produzione ha proposto la trasformazione di uno dei due gruppi ora in servizio in un impianto a biomasse, con un significativo mantenimento dell’occupazione (circa duecento addetti fra diretti e indiretti) e un abbattimento sostanziale (85%) delle emissioni di anidride carbonica. La società ha manifestato interesse a costruire un impianto a metano, in sostituzione del gruppo a carbone, nel momento in cui il metano fosse disponibile con certezza di approvvigionamento e costi. La Cisl di Sassari e la Flaei Cisl (Federazione lavoratori elettrici) hanno apprezzato le proposte dell’Azienda, che vengono incontro all’esigenza di lavorare da subito per garantire un futuro all’impianto di Fiume Santo. «Riteniamo che il sito debba continuare ad avere un ruolo essenziale anche dopo la cessazione del carbone – ha dichiarato Mario Marras, segretario generale Flaei Cisl Sardegna – sia per il sistema elettrico del territorio, sia per l’intero asse produttivo come principale
polo di produzione di energia elettrica». «Il percorso di trasformazione dell’impianto – ha aggiunto Pier Luigi Ledda, segretario generale Cisl Sassari – deve essere condotto con il coinvolgimento di tutte le parti, questa trasformazione deve diventare occasione di sviluppo e crescita».

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community