Strada dell’Anglona impraticabile: si revoca l'appalto

Il manto d’asfalto è degradato, l’impresa di fatto ha abbandonato il cantiere

NULVI. La Provincia di Sassari intende revocare l’appalto all’impresa appaltatrice che ha realizzato, e che doveva curare la manutenzione, della strada dell’Anglona. La situazione di degrado del nuovo tratto della Strada dell’Anglona, inaugurata solo un anno fa ma già in condizioni precarie a causa della comparsa di grosse buche nella carreggiata e di fenomeni franosi lungo le trincee, viene monitorata continuamente dal Comune di Nulvi che, per voce dell’assessore alla Viabilità Luigi Cuccureddu sostiene di sentire la responsabilità di non essere soggetto passivo in questa vicenda che interessa tutta la comunità e il territorio. Cuccureddu infatti, proprio nei giorni scorsi, si è incontrato con il dirigente e i tecnici del Settore Viabilità della Provincia di Sassari per avere notizie reali sullo stato delle cose e sulle possibili azioni da intraprendere. «A oggi la situazione è questa – spiega l’assessore – e cioè che l’impresa Ifras, appaltatrice dei lavori, dopo essere intervenuta per ripristinare due tratti importanti che erano stati oggetto di cedimento strutturale, a seguito di ulteriori problemi emersi nella sovrastruttura stradale e all’emissione di ordini di servizio impartiti dalla direzione dei lavori, ha di fatto abbandonato il cantiere. Ciò ha fatto sì che l'Ente Provincia si trovasse nelle condizioni di attuare la risoluzione del contratto d’appalto.

A giorni la commissione che ha già proceduto al collaudo dei tre viadotti ma che, a seguito delle problematiche emerse al fondo stradale, aveva dato tempo all’impresa per il suo ripristino a regola d’arte, ma non completato, effettuerà un sopralluogo sulla strada per fotografare la situazione attuale e verbalizzare lo stato di fatto». La Provincia ha inoltre comunicato all’assessore Cuccureddu di essersi già attivata per la ricerca di una ditta di fiducia che esegua le opere di ripristino della carreggiata così come saranno impartite dalla stessa commissione di collaudo, appena le condizioni climatiche lo permetteranno e quindi non prima della prossima primavera. «Inoltre – prosegue Cuccureddu
– mi è stata comunicata un’ulteriore notizia relativa al recente finanziamento di 800mila euro alla Provincia da parte del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, utile all’esecuzione delle opere di consolidamento delle scarpate, opere che saranno accantierate entro quest’anno».

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community