Edificio pericolante in via Mare

Ordinanza del Comune: il gruppo ormeggiatori obbligato a intervenire

PORTO TORRES. Il Comune ha emesso una ordinanza con la quale invita il gruppo ormeggiatori alla rimozione e allo smaltimento di tutti i rifiuti di vario tipo presenti all’interno del fabbricato - tra via Mare e piazza Garibaldi - di loro proprietà. Alcuni residenti del centro storico avevano segnalato la condizione di degrado igienico sanitario di quel rudere abbandonato che si affaccia sul porto commerciale, evidenziando che la copertura è quasi completamente crollata all’interno e che il fabbricato è stato colonizzato da piccioni e ratti. Uno stato di degrado igienico-sanitario accertato poi dal sopralluogo dell’amministrazione comunale, con presenza all’interno della casetta di ingenti quantità di guano di piccione e rifiuti di vario tipo. Motivi che hanno allora spinto il sindaco a firmare il documento che ordina ai proprietari, entro 30 giorni dalla notifica del provvedimento, alla disinfestazione di tutti gli ambienti del fabbricato, al fine di allontanare ratti e parassiti, e all’allontanamento dei piccioni eventualmente presenti. Oltre al ripristino e alla messa in sicurezza della copertura a tetto e di ogni altra parte pericolante del fabbricato, per tutelare l’incolumità pubblica, la sicurezza urbana, ed evitare una nuova colonizzazione da parte di ratti, piccioni e parassiti vari. Il gruppo Ormeggiatori ha dato incarico ad un ingegnere per relazionarsi con la struttura tecnica comunale, e dall’incontro di ieri mattina è emersa da una parte l'immediata esecuzione della bonifica del fabbricato e dall'altra la possibilità
della demolizione dell'edificio. Questo significa che già dalla prossima settimana i proprietari dovranno predisporre l'intervento di bonifica e disinfestazione del locale – da parte di una azienda specializzata - e la chiusura provvisoria della copertura pericolante. (g.m.)

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community