Corrao carica i grillini: chi ci sottovaluta sbaglia

In città l’eurodeputato M5s che ha organizzato l’incontro tra Di Maio e i gilet gialli «Macron la smetta di fare l’offeso. I pastori? Protesta giusta ma niente violenza»

SASSARI. Delle proteste di piazza non ha certo paura. Tanto da essere uno degli organizzatori dell’ormai famoso incontro tra Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista con uno dei capofila dei gilet gialli, Christophe Chalencon. Vertice che ha talmente infastidito il leader francese Macron da fargli richiamare il suo ambasciatore in patria. Ma l’europarlamentare del M5s Ignazio Corrao della sua scelta non si pente di certo. «Macron la smetta di fare il permaloso – sentenzia –. E basta anche parlare di crisi diplomatica. La crisi diplomatica è quella del uscita di Russia e Usa dal trattato sulle armi nucleari che riempirà di nuovo il mondo di missili. Queste sono solo scaramucce».

Ieri era in città, insieme al senatore Ettore Licheri, per presentare la lista M5s del collegio di Sassari per le prossime Regionali e dare l’ultimo sprint alla corsa per la presidenza a Francesco Desogus . E sottolineare che: «Chi ci sottovaluta sbaglia di grosso. In Sardegna non abbiamo partecipato alle scorse Regionali, abbiamo cambiato candidato in corsa in queste. Tutto in nome di una coerenza che da fuori può essere vista come debolezza, e invece è connaturata col nostro modo di pensare e di agire. Noi portiamo avanti le nostre idee, sicuri che questo ci premierà. E chi ci dà per sconfitti sbaglia di grosso».

Poi la conferma della sua ricandidatura alle prossime Europee, con un impegno preciso per la “vertenza latte”. «Quanto stanno subendo gli allevatori e produttori sardi non può e non deve passare sotto traccia – ha spiegato –. Il pagamento sottocosto del latte, dovrebbe essere considerato una pratica sleale, così come approvato pochi mesi fa a Strasburgo dal Parlamento Europeo. Un’ulteriore ragione per la quale l’Europa non può e non deve chiudere gli occhi».

Per quanto riguarda la protesta dei pastori : «È la sacrosanta manifestazione di una rabbia che prima o poi doveva esplodere – ha spiegato Corrao –. Ai manifestanti diciamo di mantenere la calma, perché la violenza è sempre una sconfitta. E manifesto la mia massima solidarietà e la garanzia di fare il possibile per cambiare le cose. Ho chiesto alla Commissione Europea intanto se è a conoscenza dello stato di agitazione dei pastori sardi e quali misure immediate e a lungo termine intende prendere per allentare la pressione
sui produttori del settore lattiero-caseario sardi. Purtroppo è un problema comune a molti settori. Ed è uno dei motivi per cui dobbiamo cercare di far sedere di nuovo l’Italia nei tavoli in cui le regole si decidono. E in cui purtroppo, da troppo tempo, non siamo più presenti».

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Stampare un libro risparmiando: ecco come fare