Rivolta del latte, a Bonorva un altro assalto alle cisterne

Un gruppo di incappucciati con le spranghe ha minacciato l’autista

BONORVA. C’è un far west che nessuno poteva immaginare nell’età moderna. I pick up al posto dei cavalli, gli inseguimenti delle cisterne del latte sulle strade asfaltate e le grida di compiacimento, euforia ed eccitazione di coloro che vanno alla conquista di un carico che non è di chi lo trasporta ma di aziende storiche che ancora - a fatica - garantiscono lavoro a centinaia di persone in una Sardegna martoriata dalla crisi e dalla disoccupazione. I pastori e gli allevatori non c’entrano con la caccia alle cisterne del latte scatenata ormai da giorni nel nuovo far west. Ma non si può fare a meno di notare la drammatica realtà. L’altra sera un altro assalto dopo quello di Badesi: sono arrivati incappucciati all’altezza del bivio di Bonorva, con le spranghe tra le mani, hanno bloccato l’autista che trasportava il latte, l’hanno minacciato e obbligato a scendere. Inutile provare a resistere. Hanno cominciato a scaricare il latte sull’asfalto che si è colorato di bianco. Il tutto accompagnato da urla, mezze frasi che sanno di una vittoria che non vale niente.

L’operazione non è stata completata perché il commando è stato costretto a scappare, disturbato dall’arrivo di altri mezzi e dai carabinieri che hanno avviato le indagini. Quello di Bonorva è l’ennesimo assalto alle cisterne del latte che viaggiano da una parte all’altra della Sardegna. Gli incappucciati sono risaliti sul pick up e se ne sono andati via: urla di esaltazione, altra paura seminata dentro una vertenza che non ha bisogno di gente a volto coperto ma di facce pulite, quelle di chi lavora e combatte ogni giorno con dignità. Forse in molti l’hanno dimenticato, ma all’inizio
di tutta la storia c’è anche l’ autista di una cisterna del latte sparato a metà gennaio al bivio tra Illorai e Osidda. Poteva morire. Le indagini vanno avanti, quelle fucilate erano il segno di un nuovo far west nella guerra del latte ambientata in Sardegna, dove si vota il 24 febbraio.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller