Sassari, ladri seriali finiscono in trappola

Quattro furti in sei giorni, due sassaresi arrestati dal nucleo investigativo. Determinanti le telecamere

SASSARI. Quattro furti in una settimana, tutti realizzati con la stessa tecnica. Il più giovane faceva il palo e seguiva i movimenti delle vittime pronto a intervenire per ogni evenienza, il complice rubava borse, portafogli e oggetti di valore e in un caso anche una bici elettrica. Un bottino facile da spartire. I due ladri seriali sono stati individuati e arrestati dagli agenti in borghese del nucleo investigativo della polizia locale di Sassari. Si tratta di Roberto Carta, 31 anni, e di Tino Fiori, 27, entrambi sassaresi: ieri gli agenti hanno notificato l’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale di Sassari . Dopo le formalità, i due sono stati trasferiti nel carcere di Bancali.

L’indagine che ha consentito di chiudere il cerchio attorno ai due ladri seriali è scattata a metà novembre dello scorso anno, dopo che le telecamere della videosorveglianza avevano immortalato gli autori del furto messo a segno nel negozio di abbigliamento “J Trend” di via Cagliari. Il tempestivo intervento degli agenti aveva permesso di individuare e raggiungere - poco più tardi - Roberto Carta, che si era assunto la responsabilità del colpo (dal negozio era stato rubato un borsello con tre portafogli, carte di credito e banconote, recuperato nascosto nei pressi del Duomo).

L’attività investigativa si è concentrata sull’esame dei filmati registrati dalle telecamere distribuite lungo tutta l’area delle zone interessate dai furti e grazie anche a una serie di testimonianze determinanti (passanti che avevano assistito alle scene), alla fine la polizia locale ha presentato il rapporto all’autorità giudiziaria e sono scattate le misure cautelari.

La prima azione dei ladri seriali aveva riguardato una bici elettrica parcheggiata davanti a un negozio. In quel caso il proprietario si era reso conto del furto e si era messo all’inseguimento dei ladri che avevano abbandonato la bici in via Bellieni. Due giorni più tardi una donna era stata derubata mentre parcheggiava l’auto in via Enrico Costa: il palo aveva seguito la signora fino all’abitazione e il complice si era impossessato della borsa che conteneva carte di credito, denaro contante, documenti, telefonino e dei farmaci. Dopo altri due giorni nuova incursione in via Manno: nel mirino una donna che si era diretta verso il parchimetro per pagare la sosta e dalla Punto era stata portata via la borsa con denaro, carte di credito, cellulare, chiavi di casa
e diversi effetti personali. Infine il colpo nel negozio di via Cagliari dal quale poi si sono sviluppate le indagini che hanno permesso di acquisire gli elementi utili per attribuire ai due arrestati la responsabilità anche degli altri furti.

©RIPRODUZIONE RISERVATA



TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO: DAL WEB ALLE LIBRERIE

Come vendere un libro su Amazon e da Feltrinelli