Sassari, irrevocabili le dimissioni del sindaco: arriva il commissario

Non è escluso che si vada a elezioni in abbinamento con le europee del 26 maggio 2019

SASSARI. Giunta e Consiglio comunale di Sassari congelati per 20 giorni dopo le dimissioni del sindaco Nicola Sanna (Pd), sconfitto alle elezioni regionali. Il primo cittadino ha chiarito oggi 27 febbraio che la sua decisione è «irrevocabile».

leggi anche:

Nicola Sanna

Sassari, si è dimesso il sindaco Nicola Sanna

Lo ha annunciato il primo cittadino: «Lascio l’incarico, del resto giunto ormai alla sua conclusione naturale, all’indomani di un risultato elettorale dal quale altri potranno ripartire»

Trascorsi quindi i 20 giorni fissati dalla legge, le dimissioni diventeranno effettive e l'esperienza amministrativa sarà chiusa: tutti a casa con due mesi di anticipo rispetto alla scadenza naturale del mandato. Assessori e consiglieri comunali decadranno e a palazzo Ducale arriverà un commissario nominato dalla nuova Giunta di centrodestra, col compito di gestire l'ordinaria amministrazione e traghettare il Comune verso le elezioni di maggio.

Non è da escludere che la Regione opti per un election day, accorpando le amministrative alle europee del 26 maggio. Per la scelta del prossimo sindaco e del nuovo Consiglio a Sassari ci sono già almeno tre candidati ufficiali: il consigliere uscente del Movimento 5 Stelle, Maurilio Murru, sconfitto da Sanna nel 2014, l'ex sindaco della città, già senatore e consigliere regionale, Nanni Campus, che sarà a capo di un vasto movimento civico di centrodestra, l'ex vicepresidente della Provincia di Sassari, Lino Mura, pronto a mettere in piedi la lista «Alternativi Uniti per Sassari».

A loro dovrebbero aggiungersi almeno altri tre candidati: uno per il centrodestra, uno per il centrosinistra e uno per gli indipendentisti.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller