Dal campo Rom alle semifinali del Premio Scenario

«SASSARI. Sono ragazzi e ragazze, nati e cresciuti in Sardegna, che abitano nel campo nomadi di via Piandanna. Hanno tra i 15 e i 18 anni e sono di etnia Rom bosniaca. Alcuni di loro partiranno i...

«SASSARI. Sono ragazzi e ragazze, nati e cresciuti in Sardegna, che abitano nel campo nomadi di via Piandanna. Hanno tra i 15 e i 18 anni e sono di etnia Rom bosniaca. Alcuni di loro partiranno i primi di aprile alla volta di Napoli, al teatro Bellini, per le semifinali del Premio Scenario, un concorso teatrale, a livello nazionale, attivo dal 1987, e rivolto a soli artisti under 35. Diventati attori e protagonisti di un progetto artistico al quale hanno collaborato scrivendo i contenuti e interpretandolo. Ne è nato un cortometraggio che, appunto, è entrato nelle semifinali del più prestigioso premio in Italia per la scoperta di spettacoli inediti. Per la prima volta, in questa edizione è previsto il premio “Scenario periferie” riservato a proposte artistiche che includano utenti legati ai mondi periferici.

Alle fase preliminari sono stati presentati 116 progetti in tutta Italia e sono passate alle semifinale 42 proposte. Per questa nuova tappa verranno presentati venti minuti di spettacolo inedito, davanti a una giuria che sceglierà se far proseguire o meno quest’avventura per la creazione dello spettacolo completo.

Il progetto dello spettacolo, che vuole coniugare i linguaggi del teatro contemporaneo con i codici del video, si intitola “Sull’amore ai bordi del campo”, ed è presentato dal collettivo S, gruppo informale che vede appunto la partecipazione dei ragazzi diretti e condotti nella creazione artistica da Maria Luisa Usai (attrice e regista teatrale) e Claudia Mollese (videomaker e regista).

«L’esperienza di incontro e scambio con gli adolescenti della comunità rom all’insegna dell’arte – spiegano Usai e Mollese –, ha preso avvio la scorsa estate grazie all’associazione 4CaniperStrada, collettivo sassarese di videomaker e fotografi, che ha promosso il laboratorio di cinema e teatro “Filmare il Territorio” con l’intento di coinvolgere i giovani rom in un percorso artistico ed espressivo e produrre un cortometraggio scritto e interpretato da loro stessi».

Il piccolo film verrà presentato
in anteprima questo mese a Sassari, insieme ai protagonisti e ai registi che hanno condotto il laboratorio e le riprese. L'iniziativa è inserita nel progetto cinematografico curato dall’associazione 4CaniperStrada “Transumante- Cinema e Periferie”, sostenuto da Mibac e Siae.



TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community