Sassari, l’Aou diventa più grande ma taglia tac ed esami per i pazienti esterni

Dal 2015 al 2018 le prenotazioni al Cup sono calate da 46mila a 32mila. L’anomalia è che da tre anni le Cliniche hanno incorporato anche l’ospedale

SASSARI. La gestione delle liste di attesa è una priorità dichiarata da anni dall’assessorato regionale alla Sanità. Da poco è stato approvato anche l’accordo Stato-Regione che prevede una serie di correttivi che migliorano i tempi di assegnazione delle prenotazioni. Infine anche il Cup è impegnato in una drastica riorganizzazione delle agende sanitarie per rendere più efficiente il servizio e accorciare le attese. Insomma, si sta remando verso la direzione giusta.

Tuttavia a Sassari c’è un dato che va nettamente controcorrente: l’Aou dal 2015 al 2018 sta erogando molte meno prestazioni verso gli esterni. Le prenotazioni degli esami diagnostici e ambulatoriale registrate dal Cup parlano chiaro e indicano questa tendenza. Nel 2015 l’Aou di Sassari ha totalizzato 46mila prestazioni prenotate. Nel 2016 la cifra scende drasticamente a 35mila. Nel 2017 cala addirittura a 28mila. Poi fortunatamente nel 2018 risale a 32mila. Ma in questo report c’è un’anomalia che salta agli occhi: nel 2015 l’Aou comprendeva solo le Cliniche. Nel 2016 invece viene incorporato anche l’ospedale civile. Quindi, a rigor di logica, uno si aspetterebbe che con il personale e i macchinari in più del Santissima Annunziata, anche le prestazioni erogate all’utenza raddoppiassero di numero. E invece accade l’esatto contrario: gli esami diagnostici e le visite ambulatoriali prenotate in Aou tramite Cup, passano da 46mila nel 2015 a 32mila nel 2018. Cioè, invece di aumentare con il potenziamento dell’ospedale, calano di 15mila unità.

Questo può voler dire solo due cose: o l’Aou si sta concentrando sui servizi verso i pazienti interni e ricoverati, tagliando invece le prestazioni rivolte agli utenti esterni. Ma questo sarebbe un approccio nettamente in controtendenza rispetto alle altre aziende dell’isola, perché il Brotzu di Cagliari e gli altri ospedali, in linea con le direttive regionali, stanno costantemente incrementando le prenotazioni verso gli esterni. Inoltre l’Aou possiede dei macchinari costosi e sofisticati, come tac, risonanze, o servizi ad alta specializzazione come Endocrinologia, che ha l’obbligo di mettere a disposizione in maniera costante per gli utenti del territorio, dal momento che Ozieri e Alghero non possiedono apparecchiature sufficienti per coprire la domanda. Quindi, se non si tratta di una politica aziendale, l’altra spiegazione plausibile è che qualcosa al livello organizzativo non stia funzionando nell’incorporazione dell’ospedale civile.

Però lo scenario delineato dall’Aou è diametralmente opposto e alle cifre del Cup la direzione d’Urso contrappone i dati della produzione certificati nei propri bilanci e validati dal Ministero. Nel 2015 – dice l’Aou – le prestazioni erogate agli esterni sono state 500mila. Nel 2016 1 milione 300mila. Nel 2017 1 milione 400mila. Nel 2018 1 milione 500mila. Quindi un trend in aumento costante.

Come è possibile una simile discrepanza con le prenotazioni registrate dal Cup? L’Aou sostiene che i dati delle prenotazioni non siano attendibili, perché sfuggono tutte quelle seconde visite assegnate dagli specialisti ai propri pazienti. E qui si pone un secondo problema: perché a rigore ogni ulteriore appuntamento fissato dal medico al paziente dopo il primo accesso, dovrebbe comunque passare attraverso il Cup. In questa fase però non è il paziente a dover chiamare direttamente il call center, ma è lo specialista a dover comunicare la data e la tipologia di prestazione da erogare. Il sistema dovrebbe funzionare così sia per una questione di trasparenza nell’erogazione dei servizi e calcolo
dei costi a carico della sanità, sia per avere un quadro certo sulla disponibilità di macchinari e specialisti nel territorio. Inoltre con tutta probabilità nel calderone della produzione Aou sono conteggiati anche i singoli esami di laboratorio (sangue, urine, ecc.) erogati all’utenza.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community