Schianto a Caniga, un morto e 6 feriti

Grave in rianimazione una mamma che viaggiava insieme ai tre figli. I bambini ricoverati in ospedale ma fuori pericolo

SASSARI. Quando la Hyundai Accent poche centinaia di metri dopo la Motorizzazione civile si è imbarcata – diventando una scheggia impazzita – Jessica Cesaracciu, sassarese di 27 anni, che viaggiava sul sedile di dietro insieme ai tre figli di uno, tre e sette anni, ha cercato di proteggere i suoi bambini – tenendoli stretti a sè – salvando probabilmente loro la vita.

La giovane donna è rimasta ferita in modo grave, mentre i tre piccoli – che viaggiavano tutti senza seggiolino – hanno riportato qualche contusione, ma le loro condizioni non destano preoccupazione.

Non ce l’ha fatta invece Manuel Manca, operaio, anche lui sassarese di 27 anni, che si trovava sul sedile anteriore della Hyundai accanto al guidatore Emanuele Loriga, di 36 anni. Il 27enne è morto sul colpo, nonostante indossasse la cintura di sicurezza e nello scontro si siano aperti gli airbag.

Lo schianto, violentissimo, si è verificato pochi minuti dopo le 20 di ieri in via Caniga. Per cause ancora in corso di accertamento, la vecchia Accent diretta verso il centro della città si è messa di traverso poco prima dell’ingresso dell’azienda Scandellari, ha invaso la corsia opposta e si è schiantata con una Alfa Romeo 146 condotta da Simone Luca Lesitano, sassarese di 35 anni, che procedeva verso la Motorizzazione. Quando ha capito che la Hyundai era fuori controllo e che gli stava venendo addosso, Lesitano ha tentato una manovra disperata ma non è riuscito a evitare l’impatto.

Dopo lo schianto l’Alfa Romeo è andata a sbattere contro un paio di auto in sosta, mentre la Accent si è girata di 360 gradi, per poi fermarsi accanto alla Hyundai. Tra i primi ad accorrere sul posto e a tentare di prestare soccorso tra le lamiere contorte delle due auto un giovane portapizze che stava effettuando una consegna in una delle palazzine della zona. «Ho capito che la situazione era disperata – racconta ancora sotto choc – quando ho guardato dentro la Hyundai e ho visto il sangue. Gli unici che si muovevano erano i tre bambini, gli adulti erano tutti privi di conoscenza». Pochi istanti dopo sul posto sono arrivate le ambulanze del 118. I medici hanno capito subito che per Manuel Manca non c’era più niente da fare. I tentativi di rianimarlo purtroppo sono stati inutili. Immediatamente è iniziata la corsa verso il pronto soccorso per tutti gli altri feriti. La più grave, ricoverata nel reparto di rianimazione, è Jessica Cesaracciu. Tutti gli altri,
compresi i tre bambini, ieri fino a tarda sera sono starti sottoposti ad accertamenti. Sul posto dell’incidente sono intervenuti anche gli agenti della polizia stradale, coordinati dal comandante provinciale Inti Piras, che hanno cercato di ricostruire la dinamica del tragico schianto.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller