Psd’Az, protagonisti alle comunali

I sardisti verso un nuovo gruppo dirigente, si studia il programma per il 2020

PORTO TORRES
Il segretario cittadino e i dirigenti del Psd’Az – dopo l’analisi del voto delle Regionali – ritengono «di essere al centro del dibattito politico che vedrà i sardisti tra i protagonisti per le prossime comunali del 2020». Lo hanno ribadito ieri mattina durante la presentazione dei dati, dove il partito dei Quattro Mori ha ottenuto la percentuale più alta di voti sardisti (12 per cento) tra i centri della provincia di Sassari con popolazione superiore ai 10mila abitanti. «Stiamo già lavorando ad un programma amministrativo – dice il segretario Ilaria Faedda - da mettere a disposizione della coalizione che si riconoscerà nel nostro progetto: una proposta che sta nascendo dal basso e che godrà dei contributi di tutti quei soggetti e categorie produttive che hanno a cuore le sorti di Porto Torres». Per il dirigente nazionale Gavino Gaspa la vera priorità è il recupero della cosiddetta sovranità perduta: «Deve rappresentare la prima sfida da vincere nei confronti di chi oggi tira le file sulle politiche di governo del Parco nazionale, del porto, del Consorzio industriale e delle multinazionali che insistono nell’hinterland turritano: poteri che di fatto hanno escluso il consiglio comunale locale dalla sfera delle decisioni che condizionano il nostro futuro». I sardisti turritani hanno l’agenda degli incontri praticamente
pronta e stanno anche pensando di indire a breve un appuntamento assembleare: «Vogliamo procedere al rinnovo del gruppo dirigente con l’innesto figure qualificate, motivate e con voglia di mettere a disposizione le proprie conoscenze al servizio della città e del territorio». (g.m.) .

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community