Schianto mortale in via Caniga in carcere l’autista della Accent

Dopo l’incidente avvenuto tre settimane fa Emanuele Loriga era risultato positivo all’alcol test Nello scontro con un’Alfa Romeo 146 aveva perso la vita Manuel Manca, operaio di 27 anni

SASSARI. Gli agenti della polizia stradale sono andati a prelevarlo nel reparto di Ortopedia dell’ospedale civile – dove era ricoverato dal giorno dell’incidente – e lo hanno accompagnato nel carcere di Bancali.

È scattato l’arresto con l’accusa di omicidio stradale e lesioni stradali gravissime per Emanuele Loriga, il 35enne che domenica 10 marzo si trovava alla guida della Hyundai Accent in cui ha perso la vita in via l’operaio sassarese di 27 anni Manuel Manca ed è rimasta gravemente ferita la sua compagna Jessica Cesaracciu, ancora ricoverata nel reparto di Rianimazione.

Gli agenti hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere firmata dal giudice delle indagini preliminari Antonello Spanu su richiesta del sostituto procuratore Paolo Piras.

Dopo il terribile schianto Loriga, difeso dall’avvocato Monica Malesa, era risultato positivo all’etilometro, con un livello di alcol nel sangue che era quasi pari a 2 grammi/litro, ossia quasi quattro volte superiore al limite consentito dalla legge. Dagli accertamenti degli uomini della polizia stradale, guidati dal comandante provinciale Inti Piras, era emerso inoltre che la Accent di Loriga era priva di assicurazione.

L’ipotesi più accreditata al momento dagli inquirenti è che all’origine dello schianto in cui era rimasto ferito anche l’autista della Alfa Romeo, Simone Luca Lesitano, ci sia stata una distrazione proprio di Emanuele Loriga che viaggiava in direzione del centro cittadino.

Prima di imbarcarsi e finire nella corsia opposta, la Accent avrebbe urtato un guardrail sul lato destro, poco prima dell’ingresso dell’azienda Scandellari. È probabile che la velocità fosse sostenuta e che l’urto improvviso abbiano fatto perdere il controllo dell’auto a Loriga. Quando aveva capito che la Hyundai era fuori controllo e che gli stava venendo addosso, Lesitano aveva tentato una manovra disperata ma non era riuscito a evitare l’impatto. Sulla Hyundai, accanto a Loriga, viaggiava Manuel Manca, che non aveva avuto scampo. Sul sedile di dietro si trovavano invece Jessica Cesaracciu e i suoi tre bambini di uno, tre e sette anni, tutti fatti salire a bordo dell’auto senza il seggiolino obbligatorio per legge fino a 12 anni di età. Solo per un miracolo tra le lamiere contorte
i tre bambini erano riusciti a salvarsi, riportando solo ferite lievi. Era rimasta invece gravemente ferita la loro mamma, che si trova ancora nel reparto di Rianimazione.

I familiari di Manuel Manca hanno nominato l’avvocato Maurizio Serra per tutelarli in vista del processo.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community