In sosta selvaggia blocca il trenino Sirio: prima denuncia a Sassari

Interruzione di pubblico servizio: un furgone Doblò ha interrotto per venti minuti il transito sulla metropolitana di superficie, i passeggeri costretti a proseguire a piedi

SASSARI. Prima o poi doveva succedere anche a Sassari e in Sardegna. Il caso delle decine di automobilisti romani mandati a processo dalla Procura per avere parcheggiato le auto in doppia fila impedendo il passaggio degli autobus o di altri mezzi pubblici, ora ha anche una dimensione sassarese. Nei giorni scorsi, infatti, un funzionario dell’Arst (coordinatore di esercizio) si è presentato negli uffici della polizia locale e ha denunciato un episodio che ha riguardato la metropolitana di superficie “Sirio”: il conducente è stato costretto a fermare la corsa perchè la strada era sbarrata da un furgone Doblò che ne impediva il transito. Una situazione che è andata avanti per più di 20 minuti, tanto da fare prendere in esame l’ipotesi dell’interruzione di pubblico servizio. Gli agenti della polizia locale hanno recepito la denuncia e avviato le indagini che hanno permesso di identificare l’automobilista.

«Ora la documentazione verrà trasmessa alla procura della Repubblica del Tribunale di Sassari – ha spiegato il comandante Gianni Serra – alla quale spetta la valutazione sulla sussistenza del reato di interruzione di pubblico servizio. Di sicuro si tratta di un evento di particolare attualità dopo i recenti fatti di Roma».



La vicenda risale a qualche giorno fa. Il conducente di Sirio impegnato nel collegamento tra Santa Maria di Pisa e l’Emiciclo Garibaldi, giunto in via delle Conce era stato costretto a interrompere la marcia per la presenza di un furgone parcheggiato in modo irregolare che ostruiva il transito alla metropolitana di superficie. In questi casi ci sono delle procedure che sono state immediatamente attivate: l’autista ha allertato la centrale operativa dell’Arst e avvisato la polizia locale. Nel mentre che erano in corso i contatti con i responsabili, sono trascorsi più di 20 minuti. A bordo del mezzo c’erano diversi passeggeri che sono stati costretti a scendere e proseguire a piedi. Le conseguenze sono state gravi: oltre alla corsa interessata, è stato soppresso un altro collegamento per intero nel percorso Emiciclo Garibaldi-Santa Maria di Pisa e ritorno, mentre altre tre corse dalla Stazione a Santa Maria di Pisa, dalla Stazione all’Emiciclo Garibaldi e dalla Stazione alle Cliniche Universitarie sono state ridotte. E alla luce di questo fatto e delle conseguenze: cinque corse soppresse, passeggeri costretti a scendere dal mezzo e a rinunciare al servizio, che i funzionari dell’Arst hanno deciso di presentare la denuncia per interruzione si pubblico servizio. Un caso unico finora a Sassari e probabilmente anche in Sardegna. Ora la parola passa alla Procura.


 

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community