Studenti e lavoratori con EP Produzione parlano di sicurezza

Invito a teatro per il Nautico, l’Angioy e il Polo tecnico A Palazzo di Città la piece “Il virus che ti salva la vita”

SASSARI. EP Produzione porta il tema della sicurezza sul lavoro a teatro, assieme ai ragazzi del Nautico di Porto Torres, dell'Angioy, del Polo Tecnico di Sassari e ai suoi dipendenti. Accadrà domani, quando con doppia rappresentazione, una al mattino per gli studenti (ore 11) e una al pomeriggio riservata ai lavoratori di Fiume Santo (ore 15), sul palcoscenico di Palazzo di Città andrà in scena “Il virus che ti salva la vita” - di e con Silvia Cattoi e Juri Piroddi – piece teatrale pensata e realizzata dalla compagnia isolana Rossolevante liberamente ispirata al testo “Il libro che ti salva la vita” di Sabatino De Sanctis e Davide Scotti.



La mission aziendale si fonde così all'intuizione artistica e il tutto, all’ombra del progetto La Nuova@Scuola che già aveva messo in contatto EP Produzione e alcuni istituti superiori cittadini, sfocia in un invito a teatro che è però, anche e soprattutto, occasione di riflessione e crescita per i giovani d'oggi lavoratori di domani.

«L’impegno per la sicurezza e la salute di chi lavora per noi e con noi è una priorità per la nostra azienda, che si traduce in una serie di iniziative, anche di comunicazione, finalizzate a promuovere maggiore consapevolezza dei rischi ed a migliorare le attività di prevenzione – spiega Luca Alippi, Amministratore delegato EP Produzione -. In linea con tale approccio, la rappresentazione di domani al teatro civico vuole suscitare una riflessione sulla sicurezza nei luoghi di lavoro e contribuire alla diffusione di una cultura di sempre maggiore tutela della sicurezza, dell’ambiente e della salute».

“Il virus che ti salva la vita” - già tradotto in inglese con centinaia di repliche alle spalle - è modo suggestivo, coinvolgente, funzionale, ironico ma efficace di focalizzare l'attenzione sul tema della sicurezza, della salute. Il messaggio, elaborato ad arte da Silvia Cattoi e Juri Piroddi, poggia sull'esperienza della quotidianità, investe e veste chiunque del suo raccontare fra parole, immagini, musica e video proiezioni, in bilico fra teatro e interazione.

La criticità dei comportamenti figli dell'agire sul posto di lavoro, in casa o per la strada si contrappone alla necessaria semplicità con cui affrontare (e fare) le cose: un momento di confronto che assume una valenza ulteriore a pochi giorni dal 28 aprile, “Giornata mondiale per la salute e la sicurezza sul lavoro”.



«Una riflessione d'obbligo, che abbiamo fatto nostra a partire dal libro che tutto ha ispirato e abbiamo messo in scena portandola ovunque ci sia richiesto, in Sardegna, in Italia e oltre confine come accaduto a Londra – spiega Juri Piroddi –. Una riflessione che pone al centro l'individuo, individuo che spesso mette in pericolo se stesso, la sua sicurezza e la sua salute. Spesso nemmeno accorgendosene. Le distrazioni, gli impegni, il tempo che perde valore ed è vissuto ad alta velocità. Non ce ne rendiamo conto, sino a quando tutto sfocia nel dramma della morte sul lavoro».

Lavoratori e scuole, primi destinatari del messaggio che punta a promuovere la cultura della sicurezza e fornire esempi positivi, e da seguire.

«Presso la centrale di Fiume Santo, come accade anche in tutti gli altri impianti produttivi di EP Produzione, ci impegniamo quotidianamente per la sicurezza dei nostri dipendenti e del personale delle aziende che svolgono servizi presso la centrale, attraverso numerose iniziative di sensibilizzazione e formazione – afferma Paolo Appeddu, capo Centrale Fiume Santo -. La Centrale ha un ruolo importante nel territorio, non solo da un punto di vista economico ed occupazionale, ma anche quale opportunità di crescita e formazione per i giovani. Questo spettacolo è per noi un’occasione per condividere il nostro impegno con la comunità».

Studenti e lavoratori insieme nella stessa sala per affrontare uno dei temi più attuali di oggi e degli ultimi anni: quello della sicurezza sui luoghi di lavoro. Un impegno che coinvolge tutti e ha bisogno di una nuova cultura e di una affermazione forte della prevenzione per raggiungere gli obiettivi.

E ora silenzio in sala, su il sipario e tutti pronti ad ascoltare: va in scenalo spettacolo, la sicurezza.

©RIPRODUZIONE RISERVATA
 

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller