Tour nei parchi cittadini: degrado e scarsa vigilanza

Presi di mira dai vandali e sempre aperti in attesa che il Comune li dia in gestione In alcune aree i giochi per i bambini sono privi di sicurezza, in altre manca l’acqua 

PORTO TORRES. I parchi cittadini continuano a rimanere aperti a tutte le ore del giorno – in attesa che l’amministrazione comunale trovi il modo per affidarli in gestione – e questa criticità sta purtroppo diventando un invito a nozze per i vandali che vogliono prendere di mira il patrimonio pubblico. Da qualche mese c’è infatti la parte terminale della staccionata che si affaccia sulla spiaggia di Balai, all’interno del parco Chico Mendes, che è stata demolita è buttata nel prato sottostante. Tutto ciò a discapito della sicurezza dei visitatori, se si considera che anche la parte restante è pericolante. A rendere più complicata la situazione, inoltre, ci sono tre punti luce che sono privi di lampade, e con il buio questo disservizio peggiora ulteriormente. In barba al divieto di fumo, poi, l’area verde è colma di mozziconi di sigarette, mentre le panche sono rivestite a muschio e deformate dal tempo. Diversi cittadini hanno anche segnalato un tombino privo di griglia, che rappresenta sempre un pericolo e due palme già condannate a morte dal punteruolo rosso.

Eppure stiamo parlando di un parco di pregio che si affaccia sulla baia di Balai e sul golfo dell’Asinara, che negli anni ha ospitato diversi eventi musicali e momenti di aggregazione importanti. Un motivo in più perché l’amministrazione trovi il modo, dopo così tanto tempo, per renderlo sicuro e decoroso, attraverso apertura, chiusura e controlli durante la giornata. Nel parco di San Gavino i giochi sono invece in condizioni pessime e mancano i tappeti sugli scivoli per avere maggiore sicurezza a fine discesa. I servizi igienici sono assicurati da un volontario che li tiene in ordine. Un parco che richiederebbe un’attenzione accurata e una sorveglianza particolare considerata l’apertura senza controllo.

Nel parco Belvedere Balai manca da anni la sicurezza sulla maggior parte dei giochi dei bambini ed anzi, col trascorrere del tempo, le condizioni dei giochi sono addirittura peggiorate. Nell’area verde del grande parco Baden Powell, invece, i lavori di potatura hanno consentito di dare più luce al parco: sono un brutto biglietto da visita però le numerose palme colpite dal punteruolo rosso, che andrebbero eliminate, e la struttura andrebbe affidata in gestione così da permettere una cura decisamente migliore per la libera fruizione. Note dolenti arrivano dal parco Quattro Zampe, dove da oltre tre anni manca l’acqua e, per fare un esempio, le persone che passeggiano con i cani se la portano da casa. La recinzione è poi un fai da te con elementi di vecchi frigo, per impedire agli animali di allontanarsi e rischiare di finire investiti dalle auto in transito.

Notizie positive arrivano dal parco di Balai, dove l’amministrazione comunale ha attivato un punto Wi-Fi con funzionamento esteso all’intero arco della giornata, che permetterà ai fruitori di connettersi gratuitamente su Internet e senza
bisogno della password.

«Sono stati riattivati i punti Wi-Fi anche nel parco San Gavino e in piazza del Comune – dice l’assessore ai Lavori pubblici Alessandro Derudas – dove sarà indispensabile dotarsi delle credenziali rivolgendosi alla biblioteca comunale di via Sassari».

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller