Gestione provvisoria per il “Parodi”

Bando di un anno per utilizzare il teatro in attesa fare le scelte definitive

PORTO TORRES. Per l’utilizzo del teatro comunale “Andrea Parodi” si è deciso di predisporre un bando di gestione provvisoria per un anno – subito dopo l’approvazione della proposta in consiglio comunale – e nel frattempo l’ufficio Patrimonio rileverà tutti i dati economico-finanziari per la predisposizione del bando per la gestione pluriennale. Dell’argomento si è discusso ieri mattina nella commissione Patrimonio, e dai vari interventi dei consiglieri presenti il denominatore comune era quello di valorizzare quanto prima una struttura che potrebbe essere utilizzata per eventi importanti e anche per il cinema.

«Il teatro chiuso rischia di subire danni dal guano dei piccioni che hanno nidificato sul tetto dell’edificio – ha detto il vicesindaco Marcello Zirulia – e in alcuni casi gli stessi volatili si sono introdotti anche nei condotti di areazione all’interno dello stabile: abbiamo chiesto un preventivo ad una società specializzata per eliminare il guano e per l’installazione di deterrenti fisici (reti) che impediscano ai volatili si introdursi all’interno del teatro».

Da una ricerca di mercato utile alla conoscenza di quanto verrebbe a costare l’operazione- guano, occorrerebbe una somma di 10mila euro. Solo per questo mese il Comune ha comunque deciso di dare in concessione il teatro a favore delle associazioni che esercitano attività culturali, artistiche o ricreative di interesse sociale.

Ossia le associazioni di danza, che chiudono l’attività artistica della scuola proprio ad inizio estate con alcune rappresentazione delle proprie allieve. Dopo che la struttura è stata liberata e riconsegnata dalla Compagnia Teatro Sassari, lo scorso marzo, sul palcoscenico di via Matteotti non si è più svolto nessun evento.

Chi utilizzerà nel corrente mese il teatro dovrà quindi versare agli uffici comunali la somma di 180 euro per ogni giornata di spettacolo richiesta. E dovrà riconsegnare l’immobile nello stato di fatto e di diritto in cui si trova. «La decisione finale dell’amministrazione rimane quella che è opportuno affidare la gestione del teatro a soggetti terzi – conclude l’assessore
Zirulia –, perché lo strumento della concessione, creando un rapporto diretto tra gli utenti e il concessionario, evita pesanti oneri gestionali a carico del Comune e trasferisce altresì il rischio operativo della gestione del servizio in capo al concessionario stesso». (g.m.)

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community