La scuola del Cantaro solidale con PossibilMente

La somma raccolta per il regalo alle insegnanti è stata donata alla onlus Cena di autofinanziamento preparata dai disabili grazie anche ai pastori

OZIERI. Si conferma una delle realtà più belle dell’associazionismo di Ozieri e dell’intero territorio la Onlus PossibilMente, che prima dell’estate si appresta a chiudere in bellezza un altro anno ricco di soddisfazioni, iniziative e impegni.

La Onlus che riunisce operatori sociali, disabili e loro familiari e che si occupa di promuovere iniziative di socializzazione, aggregazione, formazione e crescita socioculturale dei suoi ragazzi speciali, anche quest’anno ha coinvolto i ragazzi stessi, con gli operatori, gli educatori e i tanti volontari che operano con l’associazione, in eventi e in laboratori per promuovere la creatività e la manualità, i cosiddetti Laboratori dell’Autonomia.

Tra questi, il laboratorio teatrale che ha portato in scena una divertente versione dell’Odissea ma anche il laboratorio artigianale Mani in Pasta, quello della lavorazione del formaggio realizzato grazie al latte ovino donato dai pastori durante la protesta contro il basso prezzo, infine quello di cucina, con gli chef Leonardo Sarobba, Rosa Vacca e Paolo Asproni e lo staff del ristorante Gli Oleandri, che anche quest’anno sarà la base per la realizzazione della cena di autofinanziamento alla quale hanno già dato la propria adesione autorità civili, politiche e religiose e per la quale sono già aperte le prenotazioni. Una ventina in tutto i ragazzi coinvolti, alcuni nella preparazione dei piatti e altri come personale di sala, che saranno l’anima di un evento in programma il 30 giugno che si aprirà con un aperitivo accompagnato dalla musica della band pop-rock dei Lymantria.

«Il menù elaborato nel laboratorio di PossibilMente riserverà varie sorprese gustative – dice la presidente Bianca Maria Balata –, compresa la degustazione del pecorino prodotto dai ragazzi durante la battaglia del latte a sostegno della vertenza dei Pastori Sardi, La cena dell’autofinanziamento è un momento molto atteso dai nostri ragazzi, e per questo ci auguriamo come sempre una grande partecipazione». Ma il successo atteso della cena di inizio estate non è l’unica sorpresa che i ragazzi di PossibilMente avranno in questo mese di giugno: la prima è già arrivata, ed è una donazione ricevuta dai bimbi della quinta A della scuola primaria del Cantaro, che hanno deciso di devolvere alla Onlus la cifra raccolta per acquistare, come è consuetudine
l’ultimo anno di scuola, un regalo alle loro insegnanti.

La somma è stata consegnata nei giorni scorsi dagli alunni e dalle loro maestre, e i ragazzi di PossibilMente hanno ricambiato il gesto donando a tutti loro i coloratissimi braccialetti di gomma simbolo dell’associazione.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community