Elezioni comunali a Sassari, scendono in campo i big

I candidati giocano le ultime carte. Attesi Salvini, Zingaretti, Meloni e Toninelli. Potrebbe arrivare anche Di Maio

SASSARI. Ultimo giro di lancette prima del voto amministrativo di domenica. E in città arrivano i big, nel tentativo di dare il decisivo colpo di reni in una campagna elettorale “a basso volume”. I candidati sindaci infatti hanno usato buona parte del loro tempo per confrontarsi in una lunghissima serie di faccia a faccia a sette, chiamati da enti, gruppi di cittadini, associazioni, scuole. E, pur riconoscendogli il merito di non essersi mai tirati indietro, hanno inevitabilmente messo la sordina a una cavalcata elettorale che per ora non ha avuto grandi acuti, nè vissuto grandi scontri.

Centrosinistra. A provare a renderla un po’ più sanguigna ci penseranno i grossi nomi nazionali, in parte già confermati in questi giorni, in parte in “trattative”. Sicura la presenza mercoledì del segretario nazionale del Partito democratico Nicola Zingaretti. Che ha già incontrato il candidato del centrosinistra Mariano Brianda a Roma e, come promesso, ricambierà la visita nella sua Sassari. L’appuntamento è alle 17 al teatro Verdi. E, sempre mercoledì a dare una mano al giudice, arriverà anche Alessio Pascucci, sindaco di Cerveteri e coordinatore nazionale di Italia in Comune, che dopo una tappa a Cagliari a sostegno di Francesca Ghirra, alle 19 sarà in piazza Azuni.

Centrodestra. Per la coalizione guidata da Mariolino Andria il pezzo da novanta dovrebbe essere Matteo Salvini, che già aveva messo le tende nell’Isola per blindare l’elezione di Christian Solinas, e che ha promesso di venire in città, agenda permettendo, tra mercoledì e giovedì. In attesa della sospirata conferma la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni sarà sicuramente nell’Isola venerdì, con visita ad Alghero e Sassari in mattinata e chiusura a Cagliari per sostenere la candidatura di Paolo Truzzu. Il giorno prima nuovo tour ospedaliero di marca legista con il vicecoordinatore Dario Giagoni, il presidente del consiglio Michele Pais e l’assessore alla Sanità Mario Nieddu che visiteranno il poliambulatorio algherese di via degli Orti e il policlinico sassarese accompagnati dai candidati sindaci.

Movimento 5 stelle. Anche il M5s di Maurilio Murru sta cercando di calare l’asso. E attende con una certa apprensione la conferma dell’arrivo del vicepremier Luigi Di Maio, che ha fatto una scappata in città per assistere al trionfale 3-0 della Dinamo contro l’Armani Milano, promettendo che sarebbe tornato prima del voto. In attesa del via libera sicuro l’arrivo, giovedì, del ministro delle Infrastrutture e dei trasporti Danilo Toninelli.

Gli altri. Nessun big nazionale per gli altri quattro sindaci in lizza. Ma questo non vuol dire minore impegno nella chiusura della campagna elettorale. Ancora da definire l’ultimo comizio di Nanni Campus, reduce dal suo “tutta la verità” di sabato in piazza Fiume, che di sicuro però sul palco venerdì porterà solo «i candidati e il programma per la città».

Agenda piena anche per Marilena Budroni che, tra tribune elettorali e faccia a faccia a sette già in programma (oggi ce n’è uno promosso dalla Confartigianato alle 10 del mattino nella sede di via Alghero 30), oggi alle 19 presenterà gli indipendentisti di Liberu per Evviva la Città, in un incontro dal titolo “Municipalismo e Autodeterminazione” nella sua sede elettorale di via Turritana 29. Continua anche il “casa per

casa” di Lino Mura, che il 13 sarà a Li Punti (ex circoscrizione, alle 18) e il 14 a Latte Dolce (sez. Laconi, alle 18), e di Giuseppe Doneddu.

Poi il silenzio, il voto, la conta. E da lunedì inizia una nuova partita, che potrebbe riservare non poche sorprese.
 

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community