Donazione degli organi: in provincia di Sassari numeri eccezionali

Il report illustrato ad Alghero durante l’assemblea dei soci della Prometeo.  L’associazione: all’ospedale Santissima Annunziata dati molto incoraggianti

ALGHERO. Si è svolta ad Alghero, nella sala dell’hotel Green, l’assemblea straordinaria dei soci della Prometeo Aitf Odv per discutere e approvare un nuovo statuto che recepisca le modifiche previste dal Codice del terzo settore (D. Lgs. n. 117/2017) e che si adegui alla nuova realtà dell’associazione. In particolare, il nuovo statuto terrà conto del cambio di sede da Cagliari-Pirri a Selargius-Su Planu (vicino all’ospedale “Brotzu”) e, soprattutto, della trasformazione da associazione rappresentativa dei soli trapiantati di fegato e pancreas ad associazione di tutti i trapiantati di organi.

La scelta di Alghero come sede per l’assemblea regionale dei soci è stata per l’associazione un modo per ringraziare i dirigenti e gli altri volontari per la provincia di Sassari che, in poco più di due anni di attività, hanno già realizzato numerose manifestazioni di promozione della donazione di organi sul territorio, preso parte a varie iniziative organizzate da altri soggetti e intrattenuto rapporti con le istituzioni locali, anche sanitarie, sia per attività di sensibilizzazione che per migliorare l’assistenza ai trapiantati. Durante l’assemblea, sono stati affrontati ragionamenti relativi a come rendere più efficace l’attività del Coordinamento e dell’associazione, in un contesto che può sicuramente essere migliorato ma che sul fronte della generosità dei cittadini è già rassicurante: lo scorso anno, le opposizioni alla donazione sono state solo il 15,7% (11 in numero assoluto) contro una media nazionale del 29,9%, mentre i donatori utilizzati sono stati 45 (di cui quasi la metà provenienti dall’ospedale Santissima Annunziata di Sassari), pari a 27,2 donatori per milione di abitanti contro una media nazionale di 22,6 (dati Crt).

Su questo fronte, la Prometeo intende continuare la propria attività di sensibilizzazione «al fianco delle istituzioni e in armonia con le altre associazioni di settore affinché la “cultura della donazione” sia nell’isola sempre più solida e questi dati eccezionali diventino consuetudine». Proseguirà, però, anche l’attività di sprone con la Regione e l’azienda ospedaliera “G.Brotzu” «affinché i centri trapianto siano in grado di dare risposte sempre più pronte ai pazienti in lista di attesa per un nuovo organo e assistenza sempre più efficiente ai trapiantati, in raccordo con le altre strutture sanitarie del territorio regionale».

Per quanto riguarda coloro che un nuovo organo lo hanno già ricevuto, inoltre, «la Prometeo non abbandonerà neppure la battaglia per la parificazione dell’intero trattamento dei trapiantati, per far sì, cioè, che a tutti sia riconosciuto non solo – come allo stato attuale

– il rimborso delle spese di viaggio ma tutte le agevolazioni già previste per i trapiantati di rene dalla L.R. n. 11/1985».

L’associazione ha già chiesto un incontro con l’assessore regionale alla Sanità Mario Nieddu. (red.sas.)


 

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community