«E ora puntiamo a riprenderci Pediatria»

Montella, presidente della facoltà: «Vogliamo rendere l’università sempre più competitiva»

SASSARI. «Ci siamo messi in moto per rendere sempre maggiormente competitiva la nostra facoltà e abbiamo portato a casa un risultato più che soddisfacente. Però non ci fermiamo: adesso l’obiettivo è di ottenere altre scuole di specialità per aumentare l’offerta di Medicina». Il professor Andrea Montella è speranzoso. L’università sassarese vantava oltre quaranta possibilità di specializzazione per i giovani laureati fino a qualche anno fa. «Poi è avvenuto che sono cambiate le regole di accreditamento e perciò abbiamo perso la possibilità di formarli in altri campi – prosegue il presidente di facoltà –. Resta il fatto che diamo formazione di alto livello nelle più importanti discipline mediche, e questo è già una buona base».

Medicina ha perso sedi anche per effetto di una gestione comune con l’Università di Cagliari che su dodici scuole ne gestisce direttamente 8 mentre a Sassari ne sono rimaste 4: Chirurgia plastica, Ortopedia, Malattie dell’apparato digerente e Geriatria. Ha perso, tra le altre Pediatria, Neurologia, Radiosiagnostica e Anatomia patologica. «Per Pediatria contiamo di avere l’accreditamento alla prossima valutazione ministeriale ma puntiamo anche di poter riavere le altre tre scuole», non si scoraggia Montella.

La mancanza di pediatri nel Sassarese ha comportato seri problemi d’assistenza alla fascia più giovane di popolazione nella pediatria di base. Da Sassari ad Alghero fino ai centri dell’hinterland per mesi le famiglie hanno protestato. Gli ambulatori chiusi perché “il pediatria è andato in pensione e non è stato sostituito” hanno rappresentato un grave disagio per le famiglie.

«Proprio perché in futuro non vengano a mancare figure professionali importanti, con la Regione si sta facendo un lavoro di programmazione andando a verificare quali siano le esigenze più importanti per non ritrovarsi con incarichi scoperti nei presidi sanitari e nei reparti», spiega il professor Montella.

Quando in autunno
le 19 scuole di specializzazione che il ministero ha conservato a Sassari (l’accorpamento con Cagliari è frutto dei soliti tagli alle università) riapriranno l’anno di corso saranno più popolate. E anche questo è un risultato per una città che vuole essere città universitaria.



TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community