Cocaina e marijuana in casa, il carrozziere resta in carcere

SASSARI. Rimane in carcere Gabriele Grabesu, il carrozziere sassarese di 33 anni arrestato venerdì scorso dai carabinieri della compagnia di Porto Torres con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio...

SASSARI. Rimane in carcere Gabriele Grabesu, il carrozziere sassarese di 33 anni arrestato venerdì scorso dai carabinieri della compagnia di Porto Torres con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Lo ha stabilito ieri mattina, dopo l’interrogatorio in tribunale, il giudice delle indagini preliminari Antonello Spanu. Difeso dall’avvocato Marco Palmieri, il carrozziere ha rilasciato al gip dichiarazioni spontanee: «mi assumo la responsabilità di quello che ho fatto – ha spiegato Grabesu – mi trovavo in un momento di difficoltà economica».

L’uomo era stato arrestato dopo un blitz dei carabinieri nella sua abitazione in località Trunconi, alla periferia di Sorso. I militari lo stavano tenendo d’occhio da tempo perché avevano capito che si era messo in un giro strano.

Durante la perquisizione erano saltati fuori poco più di 600 grammi di cocaina e oltre sei chili di marijuana. Parte della cocaina trovata nell’abitazione del carrozziere era ancora contenuta all’interno degli ovuli utilizzati solitamente
per il trasporto della droga all’interno dell’intestino. La droga era destinata al mercato sassarese e a quello di Sorso e Sennori. Era stato lo stesso carrozziere a indicare ai carabinieri in quale punto della sua abitazione era stato nascosto lo stupefacente. (l.f.)



TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community