Valledoria, mercato della discordia

Lorenzoni: «Il sindaco ascolti le proposte degli ambulanti, pronti alla protesta»

VALLEDORIA. Continua la polemica sulla vicenda del mercato degli ambulanti a Valledoria. A prendere posizione è Gege Lorenzoni, presidente della delegazione sardegna dell’Associazione nazionale Ambulanti in rappresentanza degli ambulanti che fanno riferimento al mercato di Valledoria.

«In data 6 agosto per effetto di una delibera del consiglio comunale è stato forzatamente (senza una nostra opinione nel merito) determinato lo spostamento dello storico mercato (operativo da circa 20 anni) da piazza Padre Pio in un’altra zona, che secondo noi non ha i requisiti previsti dalla normativa regionale per le aree mercatali». Lorenzoni racconta dei disagi subiti dagli operatori, evidenziato il 24 agosto. E il 22, invece, c’era stato l’incontro di una delegazione con l’amministrazione comunale. «Non c’è stato modo di raggiungere una intesa – racconta Lorenzoni – perchè l’amministrazione comunale non ha accolto le nostre segnalazioni, e anzi ha minacciato che se avessimo opposto resistenza avremo subito denunce con conseguenze penali e l’ allontanamento dal nostro lavoro. Per evitare ulteriori problemi, il 24 agosto, abbiamo provato a posizionare il nastro banco-mercato, per salvare la giornata (visto che la stagione estiva sta per terminare), ma il riscontro avuto è stato pessimo: perdita dell’80 per cento dell'incasso, e disagi evidenti per gli utenti». Secondo il presidente dell’Ana Sardegna, l’iniziativa dell’amministrazione «che ha obbligato gli ambulanti ad accettare il cambiamento di sito, è servita per accontentare due o tre esercenti ma non ha tenuto conto delle proposte della maggioranza degli ambulanti».

La speranza - conclude Lorenzoni - è «che l’amministrazione comunale
torni sui suoi passi e riporti il mercato in piazza Padre Pio. Nel frattempo è auspicabile un tavolo di lavoro per valutare l’insediamento dell’area mercatale in Corso Europa, come promesso a suo tempo dal sindaco. In caso contrario, siamo pronti a lanciare manifestazioni di protesta».

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community