Franco: «Così si batte la piaga che ci affonda»

Il direttore di Certiquality: «Scelta coraggiosa, che aiuta a ripristinare la fiducia in enti e aziende»

SASSARI. «Sono orgoglioso di essere qui oggi a consegnare alla Multiss la certificazione anticorruzione. Perché è la prima azienda nell’Isola a ottenerla, e una delle prime in Italia, e potrà essere di esempio per le altre aziende, e per le pubbliche amministrazioni, in un’Isola che ha una parte speciale nel mio cuore». Parole, sentite, di Cosimo Franco, direttore generale di Certiquality, che ieri ha consegnato nelle mani dei dirigenti della società in house l’ambita certificazione Iso37001.

«Da ragazzo ho mosso i miei primi passi lavorativi a Porto Torres, dove facevo il chimico, e ho conservato tanti ricordi e grandi amicizie – ha sottolineato Franco –. Torno quindi con piacere a consegnare una attestazione importante, perché è volontaria e quindi certifica l’intenzione di alzare gli standard, l’asticella. Di migliorare l’efficacia dei sistemi di controllo interni, e allo stesso tempo la credibilità esterna dell’azienda».

«Il problema della corruzione – ha continuato – è infatti dupliuce. Da un lato quello reale, che costa fino a 6-7 punti di Pil, 100 miliardi mangiati nelle pieghe della disonestà, della burocrazia eccessiva che alimenta il malaffare. Dall’altro però c’è un problema ancor più grave di corruzione percepita. Che è quella che poi viene rilevata dai ranking internazionali, dove l’Italia è sempre nella parte bassa della classifica, facendo di fatto scappare gli investitori internazionali. Noi italiani siamo convinti che il sistema sia ancora più corrotto di quello che è. Abbiamo completamente perso la fiducia nelle imprese, e negli enti pubblici».

«La certificazione anticorruzione – ha spiegato il direttore generale di Certiquality – serve quindi soprattutto a ripristinare la fiducia. Chi ha a che fare con la Multiss sa che sono stati messi in campo una serie di comportamenti, di processi, di indicatori, che limitano al massimo la possibilità di corruzione, che rilevano le nomalie, che permettono di intervenire. E questo richiede il contributo di tutti gli attori, che a loro volta diffondono questi valori, questa attenzione,
questa consapevolezza. La Multiss quindi ha fatto oggi, prima nell’Isola, un grande passo, che la pone all’avanguardia, e la indica come punto di riferimento che speriamo venga seguito da aziende e pubbliche amministrazioni. Per iniziare, tutti insieme, a cambiare le cose. (g.bua)

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community