Tags: tar

Chirurgia declassata il Comune ricorre al Tar

Chirurgia declassata il Comune ricorre al Tar

di Barbara Mastino ; w; Il Comune di Ozieri ricorre al Tar contro la delibera di giunta che riorganizza la rete chirurgica e declassa la Chirurgia di Ozieri a sede di soli interventi programmati. Lo ha deciso nei giorni scorsi la giunta comunale, che ha dato mandato all’avvocato Andrea Pubusa del Foro di Cagliari di istruire il ricorso che nello specifico chiede l’impugnazione della delibera (la 51/21 del 16 ottobre 2018) perché «incongruente» con la legge di riorganizzazione della sanità regionale del 25 ottobre 2017. Quest’ultima, infatti, poneva esplicitamente, come si legge nella delibera della giunta comunale, «Ozieri e Alghero sullo stesso piano classificandole “Nror”, nodo della rete ospedaliera regionale» e nello stesso documento «si rimanda la classificazione a presidio di primo livello che mantiene le specialità e i servizi presenti all'approvazione del modello di rete ospedaliera, purché erogati in condizioni di appropriatezza». Nella delibera della giunta regionale, invece, «l’attività del reparto di chirurgia di Ozieri è stata trasformata da chirurgia d’urgenza, oncologica e programmata a chirurgia solo programmata» e ciò di fatto costringerà «i pazienti che necessitano di tali interventi a recarsi presso l’ospedale di Alghero». Alghero dove è prevista l’attivazione della rianimazione, mentre al momento a Ozieri non si parla più di attivazione della semi-intensiva, che invece era prevista nella legge di riordino e che è la condizione necessaria per dare la possibilità di effettuare a Ozieri anche interventi di urgenza. «La decisione di ricorrere al Tar è stata motivata dalla risposta negativa che il territorio ha dato alla delibera di riordino – dice il sindaco Marco Murgia, che firma il ricorso come massima autorità comunale in tema di Sanità – e dalla volontà di difendere l’operatività dell’ospedale di Ozieri iniziando dalla Chirurgia e dal Pronto soccorso. Il tavolo delle trattative è chiuso – aggiunge il primo cittadino – pertanto il ricorso al Tar può configurarsi come un’azione politica mirata alla riapertura delle trattative. Con questo stesso spirito – prosegue Murgia – stiamo studiando con l’Anci un analogo ricorso contro la delibera di ridefinizione del numero dei posti letto». Il tutto all’interno di una azione coordinata mirata a far sì che vengano rispettate le indicazioni della riforma, che almeno sulla carta mette gli ospedali di Alghero e Ozieri sullo stesso livello, pur con le specificità di ciascuno. «Nel frattempo l’azione di difesa dell’ospedale ha portato primi piccoli risultati – conclude il sindaco – come l’assunzione di un’unità medica in più nella radiologia, che è un segnale, e la rassicurazione che il numero ridotto di personale nel Centro trasfusionale è una condizione solo momentanea».

Ozieri, una delibera della giunta regionale prevede solo interventi programmati  Il sindaco Murgia: «È l’unica azione che ci può consentire di riaprire la trattativa»

Il Tar spegne le speranze del chiosco Pedifreddu

Il Tar spegne le speranze del chiosco Pedifreddu

di Salvatore Santoni

Rigettato il ricorso contro l’ordinanza di demolizione del Comune di Sorso Giorni contati per la struttura realizzata tra le dune e il parcheggio del lido

Case popolari, il Tar fa riscrivere la graduatoria

Case popolari, il Tar fa riscrivere la graduatoria

di Gavino Masia

Accolto il ricorso di due famiglie escluse dal primo elenco stilato dal Comune L’amministrazione ora deve decidere se rivolgersi o meno al Consiglio di Stato

Ippodromi declassati: il Tar chiede i documenti

Ippodromi declassati: il Tar chiede i documenti

di Barbara Mastino

I gestori degli impianti “bocciati” e poi riabilitati avevano presentato ricorso Ora il tribunale bacchetta il ministero: quali criteri sono stati utilizzati?

Chiosco demolito a Sorso, chiesto maxi risarcimento

Chiosco demolito a Sorso, chiesto maxi risarcimento

di Salvatore Santoni

Il gestore della Vozza si rivolge al Tar: la struttura “precaria” era autorizzata. Ora il Comune rischia di dover pagare 300mila euro di danni a Mario Doneddu

Puc, il Tar bacchetta il Comune

di Vincenzo Garofalo

Un agricoltore vince il ricorso: il suo terreno accanto a Calancoi era stato classificato come discarica

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community

Redazione | Scriveteci | Rss/xml | Pubblicità | Privacy

DBInformation SpA. - Sede Legale Viale Giulio Richard 1/a – 20143 Milano - Capitale Sociale Euro 120.000,00 i.v. - R.E.A. Milano n. 1280714 - Registro Imprese di Milano n. 09293820156 - CF e Partita IVA 09293820156.

I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.