Alla Transat Gaetano Mura è in vista del Brasile

CAGLIARI. E' a poco meno di 150 miglia dal traguardo Gaetano Mura che, a bordo di Bet 1128, sta per concludere la Transat Jacques Vabre, la regata transoceanica salpata più di tre settimane fa da Le...

CAGLIARI. E' a poco meno di 150 miglia dal traguardo Gaetano Mura che, a bordo di Bet 1128, sta per concludere la Transat Jacques Vabre, la regata transoceanica salpata più di tre settimane fa da Le Havre, Francia, e diretta a Itajai, Brasile.

L'arrivo nel porto carioca del navigatore di Cala Gonone insieme al co-skipper e progettista dell'imbarcazione Sam Manuard dovrebbe avvenire questa notte o domani mattina, dipenderà dalle condizioni meteo: "Stanotte all’altezza di Rio de Janeiro abbiamo strambato - dice Gaetano Mura nel suo diario di bordo - , navigavamo mure a sinistra dal Golfo di Biscaglia, Bet 1128 si è stiracchiata con un po’ di dolori a forza di stare sbandata sempre dalla stessa parte e, dopo i colpi che ha subito nei primi giorni di regata, comincia a sentire il peso delle miglia».

Una traversata massacrante, la Transat Jacques Vabre, anche per il Class 40 che sventola il guidone della Sardegna. Bet 1128 si è ormai lasciato alle spalle oltre 5000 miglia e naviga al caldo, con la classica temperatura tropicale accompagnata a sprazzi dalla pioggia.

Negli ultimi bordi si sta confrontando soprattutto con Fantastica, la seconda barca italiana nella categoria, condotta

da Stefano Raspadori e Pietro D'Alì, vincitore insieme con Giovanni Soldini, nel 2007, della Transat Jacques Vabre. E' un vero testa a testa , quello tra Bet 1128 e Fantastica, che precede di una posizione il Class 40 di Gaetano Mura, passato dal dodicesimo al tredicesimo posto.Sergio Casano

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro