Il protagonista

Mattia Scalas al sesto posto con l’Under 23

SASSARI. Atletica leggera sarda sugli scudi nella penisola con Mattia Scalas che fa un buon esordio con la maglia azzurra e le formazioni master che si comportano bene alle finali dei sociatri...

SASSARI. Atletica leggera sarda sugli scudi nella penisola con Mattia Scalas che fa un buon esordio con la maglia azzurra e le formazioni master che si comportano bene alle finali dei sociatri nazionali di Jesolo. Ottimo sesto posto, con nuovo personale di 1h12'41” per Mattia Scalas (Atletica Serramanna), chiamato a vestire la maglia della nazionale Under 23 nel corso dell'ìncontro internazionale con Italia, Francia e Serbia svolto in contemporanea con la 15^ edizione della Maratonina di Udine.

Scalas nella prova sulla distanza dei 21,097 Km ha chiuso terzo degli italiani, nella gara vinta da Michela Cacaci su Italo Quazzola con il tempo di 1h08”09 e 1h10'08”. Per lui un risultato più che buono nella sua prima convocazione in assoluto in nazionale, convocazione più che meritata ottenuta dopo un'annata che lo ha visto migliorare notevolmente i suoi primati personali dove ha fatto segnare: 4'24”7 sul miglio; 8'32”6 sui 3000 metri; 14'21”90 sui 5000, 30'31”33 sui 10.000 e 31'29” nei 10 chilometri su strada dove è andato sul podio ai tricolori di categoria. Oltre Scalas l'atletica leggera sarda ha vissuto un fine settimana di impegni fuori dall'isola con le tre formazioni master, le donne campionesse regionali dell'Atletica San Giovanni Sassari e della Futura Cagliari e gli uomini dell'Amsicora, che hanno partecipato a Jesolo alle finali nazionali dei societari master.

Il miglior risultato complessivo finale, con un brillante 12° posto, è stato della formazione dell’Atletica San Giovanni mentre le altre isolane della Futura Cagliari Solo Atletica, all’esordio in campo nazionale a livello societario, si sono dovute accontentare della 24^ piazza. Tra gli uomini 22° posto per l’Amsicora.

Le tre formazioni, presentatisi in formazione incompleta, hanno pagato in parte la mancata presenza nelle loro fila di elementi di “lunga esperienza”. Tra in risultati sono da segnalare le prove nei 400 e 800 metri di Judith Van Eijk (Futura) e di Alba Carboni nella stessa prova e Adele Simula (entrambe San Giovanni ) nei 3000.

Nei

concorsi bene anche Roberta Giordo (triplo), Patrizia Spillo (disco e martello) Dolores Donati e Antonella Puggioni (giavellotto), Flavio Casasola (peso), Augusto Picchedda (200 metri), e le staffette 4x100 e 4x400 (Piga, Salis, Strinna,Carboni, Latte) della San Giovanni.(r.sp.)

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller