Serie D: pirotecnico debutto in panchina di Giampaolo Pinna

OLBIA. Ricordi di un calcio di qualche anno fa con il protagonista sardo che torna prepontemente alla ribalta. Stagione 1985-86, l’Olbia è reduce dalla retrocessione dalla Serie C2 e memore delle...

OLBIA. Ricordi di un calcio di qualche anno fa con il protagonista sardo che torna prepontemente alla ribalta. Stagione 1985-86, l’Olbia è reduce dalla retrocessione dalla Serie C2 e memore delle incertezze e dell’inesperienza del suo portiere (Magnani), fece il colpo di mercato assicurandosi le prestazione di Sergio Pinna, estremo difensore proveniente dalla Torres. A lui la società in maglia bianca affiancò un giovane portiere nato a Mores nel 1964, che aveva lo stesso cognome Pinna, ma di nome faceva Giampaolo. L’Olbia in quell’anno partì con Sergio Pinna titolare, ma pian piano Giampaolo riuscì a mettersi in mostra diventando ben presto il numero 1 del club gallurese.

Due anni a Olbia e poi il trasferimento in Toscana dove ha difeso (sempre tra C1 e C2 eccezion fatta per due stagioni in serie B) le maglie di Carrarese, Lucchese, Siena, Ancona, Massese, Montevarchi e ancora Carrarese dove ha chiuso l’attività di portiere all’età di 42 anni.

Dopo aver appeso i guanti al chiodo, Giampaolo Pinna è rimasto nel calcio svolgendo i ruoli di preparatore dei portieri e di vice allenatore. Oggi vive a Marina di Massa dove ha messo su famiglia e dalla Sardegna manca (calcisticamente parlando) da diciassette anni, cioè da quando per una stagione tornò a difendere i pali dell’Olbia. Adesso è il vice allenatore della prima squadra della Massese inserita nel girone E del campionato di serie D e domenica, per via della squalifica dell’allenatore in prima Andrea Danesi è toccato a lui sedersi in panchina e guidare la squadra in un derby tiratissimo come quello di Siena contro la Robur, società nata dopo il fallimento della scorsa estate che cancellò la squadra dal campionato di serie B. Con Giampaolo Pinna in panchina la Massese ha compiuto l’impresa di espugnare l’Artemio Franchi per 1-0. Una soddisfazione che va oltre ogni più rosea previsione visto l’enorme parco giocatori che la Robur Siena ha a sua disposizione (hanno accettato di scendere

in Serie D due bandiere come Portanova e Vergassola).

Per Pinna, a cinquant’anni (compiuti lo scorso mese di luglio) un debutto sulla panchina con i fiocchi e una certezza: ci saranno altre occasioni per vedere l’ex portiere dell’Olbia guidare la squadra bianconera.(p.m.)

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Stampare un libro risparmiando: ecco come fare