Lanusei, una sfida spigolosa con l’Angolana

Andata dei quarti della Coppa Italia dilettanti, gli ogliastrini vogliono sfruttare il fattore campo

LANUSEI. C’è grande attesa per l'andata dei quarti di finale della fase nazionale della Coppa Italia d'Eccellenza, in programma oggi alle 14.00 al Lixius di Lanusei tra i ragazzi di Francesco Loi e i molisani della Renato Curi Angolana. Oltre al prestigioso trofeo ci si gioca un passaggio diretto in Serie D.

«Un appuntamento da non fallire. In occasioni come questa, dove ti giochi tanto contro un avversario praticamente sconosciuto, hai una sola possibilità: giocare la partita perfetta».

E’ questo l'imperativo, il mantra dei biancorossoverdi che lo ripetono continuamente e all'unisono: «Dobbiamo giocare la partita perfetta - ribadisce anche il bomber Christian Viani - importante sarà giocare con la testa dal primo all' ultimo secondo, non ogni minuto ma ogni istante perchè sarà indispensabile non subire gol e possibilmente segnarne qualcuno visto che al ritorno giocheremo in Molise.

Siete ai quarti di finale della fase nazionale della Coppa Italia di Eccellenza tra le migliori otto d'Itali. Uun traguardo mai ottenuto da una squadra ogliastrina. Credete di poter fare ancora meglio?

« Ci alleniamo solo per questo, per migliorarci e raggiungere traguardi sempre più ambiti - dichiara orgoglioso l'argentino -. L'anno scorso abbiamo perso la finale regionale ma abbiamo vinto il campionato di Promozione e quest’anno siamo in corsa per i playoff, all' esordio assoluto in Eccellenza, e ai quarti della fase nazionale di Coppa. Direi che i progressi non mancano».

Per questa importantissima sfida mancherà Marcello Angheleddu.

«Un'assenza importante, visto che Marcello guida la squadra. Credo che in quel ruolo si calerà il nostro capitano Placentino e quindi possiamo dormire sonni tranquilli, in più fortunatamente recuperiamo un altro centrocampista come Mattia Floris che garantisce qualità , corsa e agonismo. Anche la Renato Curi Angolana avrà due giocatori squalificati (Di Camillo e Remigio)

ma resta una squadra temibile che fa della gioventù e della velocità le sue armi migliori».

Un appello ai tifosi?

«Non credo ce ne sia bisogno visto che ultimamente non ci hanno fatto mai mancare il loro apporto. Cercheremo di regalargli un altro sorriso».

Romano Cugudda

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro