La vela latina si ritrova al trofeo Città di Calasetta

Domani la venticinquesima edizione della manifestazione che coinvolge il tradizionale armo

CALASETTA. Domani è in programma la venticinquesima edizione del Trofeo Città di Calasetta, una delle storiche manifestazioni sulcitane dedicate alla vela latina.

Il Sulcis è, insieme al Nord ovest dell'isola, all'Arcipelago della Maddalena e ad Olbia, una delle zone protagoniste del rinascimento sardo di questo torico, affascinante armo velico.

Regate e manifestazioni molto partecipate sono state disputate a Calasetta, Carloforte, Sant'Antioco e Portoscuso e la vela latina è stata percepita come una ricchezza velica della nostra isola. Dalla quale, è giusto rivendicarlo, è nato il vasto interesse che ha suscitato in altre parti d'Italia e all'estero.

Purtroppo da diversi anni gli eventi dedicati alla vela latina hanno conosciuto una crisi profonda, di fronte alla quale è parsa necessaria una riflessione, avviata durante lo scorso anno.

I buoni frutti si sono visti di recente a Porto Torres e a Stintino, dove la partecipazione alle manifestazioni di quest'anno è cresciuta al confronto del 2014, in qualche caso in maniera importante.

Al Trofeo Addis, organizzato a Stintino dal Circolo Nautico Torres nell'ambito di Vela Latina e dintorni, fra gozzi, guzzette, lance e velieri armati con la tradizionale vela triangolare hanno preso parte il doppio dei partecipanti rispetto allo scorso anno.

La ricetta della manifestazione è però cambiata. Si è corso in tempo reale, utilizzando la formula

della veleggiata e privilegiando l'aspetto storico e culturale. E dando ascolto alle opinioni e istanze degli armatori, veri custodi del patrimonio latino.

Ai quali andrebbero riservate, anche dalle istituzioni, locali, regionali e statali, ben altre attenzioni.

Antonio Mannu

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller