Mezza maratona a Olbia vincono Ibnorrida e Pinna

Atletica, record di seicento partenti per la manifestazione podistica gallurese I titoli sardi over 35 al corridore di origine marocchina e alla pluriprimatista sarda

OLBIA. La netta vittoria della campionessa italiana e pluriprimatista sarda Claudia Pinna e di Morad “Tore” Ibnorrida confermano i facili pronostici nella sesta edizione della mezza maratona Città di Olbia- 5° Trofeo Piero Patata, svolta ieri mattina e valida per l'assegnazione dei titoli sardi over 35.

La corsa ha fatto registrare abbondantemente il record di iscritti (oltre 600 i partenti) e per quasi una intera mattinata i runners sono stati i signori del centro olbiese. Organizzata dalla Podistica Amatori Olbia in collaborazione con la Fidal e il patrocinio del Comune e della Provincia, la gara prevedeva partenza e arrivo dal piazzale di via Principe Umberto, con una prova sulla classica distanza della mezza maratona – 21,097 km (due giri) – e una di 10,5 chilometri.

Già al primo passaggio il vantaggio dei due attesi protagonisti della gara era considerevole e l'ultima tornata ha di fatto consolidato il distacco dei vincitori.

Ibnorrida (atleta di casa di origini marocchine che corre per l'Atletica Olbia) è andato a vincere con il tempo finale di 1h13’25”, mentre alle sue spalle era lotta vera per le altre posizioni sul podio. Gianfranco Rosso (Ccrs Sorso) nel finale riusciva a scavalcare il beniamino di casa Cristian Cocco (Pao Olbia), chiudendo con 1h 15’42” contro 1h15’53”, mentre Alviero Atzeni (Pod. San Gavino) era 4° con 1h16’44” davanti a Andrea Mainas (Athletic C-Firex) con 1h17’08”.

Seguono in classifica Tiziano Melia, Filippo Salaris, Emanuele Oggiano, Daniele Melis e Eugenio Carbini.

Ancora più netto il dominio della Pinna (atleta di San Gavino che corre per il Cus Cagliari) che senza grande patemi ha chiuso in 1h19’46” (10/a assoluta) facendo gara in solitaria sin dall'avvio. Alle sue spalle (per modo di dire) con 1h28’15” ha chiuso l'olbiese di origini spagnole Maria Luz Freire (Pao Olbia) con l'olandese Judith Van Eijk (Shardana Ss) che era terza in 1h29’41” davanti alla brasiliana Maria Cleudes Dos Santos Nunes (Delogu, 1h32’55”) per un podio dal “retrogusto” sardo-internazionale.

Dietro queste la graduatoria vede Antonella Cau, Luisella Cantara, Daniela Perinu, Stefania Carola e Agostina Piredda.

Interessante anche la prova sulla distanza di un giro (oltre 10mila 550 metri con tanti atleti che hanno dovuto correre senza pettorale perché i numeri di gara erano sold-out da giorni) che ha visto primi al traguardo il nuorese Lino Carta (Atletica Orani, 39’08”) e Katiusha Sitzia (Cagliari Atletica, 49’25”).

Carta ha preceduto all'arrivo il ploaghese Ivan Pulina (Runner Sassari, 39’19”), Piermario

Fois (Ccrs Sorso, 40’54”), Giuseppe Pazzola, Gavino Polo e Giuseppe Carboni mentre alle spalle di Sitzia ha chiuso con il buon 50’19” la beniamina di casa Leonica Cieno (Atl. Olbia) seguita dalla compagna di squadra Laura Caragliu, Mariangela Spanu e Rita Nicoletti.

Roberto Spezzigu

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community